Le vendite online in Europa e in Italia: i trend emergenti

Le vendite online in Europa e in Italia: i trend emergenti

Le vendite online hanno registrato un trend molto positivo in tutta Europa nell’ultimo anno, con punte di crescita di circa il 40% in Italia e del 30% in Spagna.

È quanto emerge da un recente studio firmato IRI che fotografa la situazione attuale e stima le crescite nell’online nel prossimo futuro, prevedendo trend a doppia cifra per tutti i comparti, con il Largo Consumo in testa.

 

Nei settori Alimentari e Personal Care il supermercato rimane il canale preferito dei cittadini europei, tuttavia l’8% dichiara di aver acquistato articoli anche online.

 

 

Driver della crescita sono soprattutto la possibilità di risparmiare tempo, la flessibilità in termini di tempo/spazio e l’ampiezza di assortimento, ma anche una maggior familiarità con l’online da parte dei Millennials, gli acquirenti più fedeli al canale, sia per reperire informazioni che per concludere gli acquisti.

Dallo studio emerge infatti che il 61% dei Millennials è online per informarsi (soprattutto attraverso lo smartphone) e il 23% si rivolge a blog o forum per richiedere o leggere le opinioni sui prodotti di interesse, riponendo grande fiducia nella condivisione dell’esperienza di acquisto.

Le evidenze in Italia

In Italia le vendite online hanno raggiunto nel 2018 la cifra record di circa 450 milioni di euro con le categorie del Cura Persona, dei Prodotti per animali domestici e del Cura Casa a trainare la crescita.

 

 

 

Il Cura Persona, in particolare, nel carrello di spesa online “pesa” molto di più rispetto alla media del largo consumo: un’indicazione che suggerisce agli attori che operano in questo settore che è importante essere presenti anche in rete.

Nel carrello virtuale troviamo nel 30% dei casi i prodotti Prestige che diventano il 50% se restringiamo la visione alle sole categorie “Igiene e Bellezza”.

Dal punto di vista del consumatore la percezione è quella di trovare prodotti meno cari rispetto allo store fisico o comunque di poter beneficiare di promozioni/offerte speciali in grado di consentirgli di risparmiare, anche se in realtà avviene che mediamente il prezzo delle referenze commercializzate online è maggiore rispetto ai negozi tradizionali.

Quando si fanno acquisti online inoltre si tende a scegliere il prodotto più costoso, eventualmente in offerta, beneficiando del fattore servizio, ovvero la consegna direttamente a casa o nel posto desiderato senza costi aggiuntivi.

Dal punto di vista delle aziende che operano nel Cura Persona l’e-commerce può rappresentare dunque un vantaggio in termini di marginalità.

(Visited 1 times, 1 visits today)