L’influenza 2019-2020 è in anticipo e le persone colpite sono più di 642.000

L’influenza 2019-2020 è in anticipo e le persone colpite sono più di 642.000

Dell’importanza del monitoraggio dell’influenza stagionale aveva parlato Elena Folpini, general manager di New Line Ricerche di Mercato, nel corso dell’ultimo convegno FarmacistaPiù commentando le vendite in farmacia dello scorso anno in questo articolo. Capire come si muove il contagio può aiutare il farmacista ad approvvigionarsi e a fare previsioni sulle vendite. Ecco allora i primi dati: sono 642mila i cittadini costretti a letto a causa dell’influenza dall’inizio della sorveglianza epidemiologica; e il virus è in anticipo, nello stesso periodo dello scorso anno infatti aveva colpito 505mila persone.

Campagna vaccinale e comunicazione

Nell’ultimo bollettino disponibile, del 27 novembre, (settimana di rilevazione 18-24 novembre) i nuovi casi ammontano a 167.000 e il totale dall’inizio del monitoraggio a 642mila. Il livello di incidenza del virus in Italia è pari a 2,76 casi per mille assistiti. Le regioni più colpite sono Sicilia (4,16), Lombardia (4,39), Piemonte (4,11), Toscana (3,10) ed Emilia-Romagna (3,07). In totale potrebbero essere oltre 7 milioni gli italiani colpiti dall’influenza nel corso dell’intera stagione 2019-2020.

Il sistema di sorveglianza FluNews ricorda anche che, per ridurre la trasmissione del virus dell’influenza, è importante mettere in atto anche misure di protezione personali (non farmacologiche) come per esempio: lavaggio delle mani (in assenza di acqua, uso di gel alcolici); buona igiene respiratoria (coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, trattare i fazzoletti e lavarsi le mani); isolamento volontario a casa delle persone con malattie respiratorie febbrili specie in fase iniziale; uso di mascherine da parte delle persone con sintomatologia influenzale quando si trovano in ambienti sanitari (ospedali).

Il ministero si è impegnato ad informare i cittadini attraverso una campagna di comunicazione, per la quale è stato realizzato uno anche uno spot televisivo della durata di 30”, che richiama le principali misure da adottare, allo scopo di proteggere se stessi e gli altri dalla diffusione della malattia, rimandando gli approfondimenti al sito ministeriale. Nello spot si sottolinea anche l’importanza di non ricorrere all’uso degli antibiotici in caso di influenza.

Sul fronte della farmacia, Federfarma Roma ha realizzato uno spot dal titolo “L’influenza fa paura a tutte le età”, diffuso sui canali social (Facebook e Instagram) della Federazione di Roma e provincia, che invita i cittadini a passare in farmacia per ricevere consigli e informazioni e ad evitare di trovarsi tra qualche settimana a dover fare i conti con l’influenza. La campagna prosegue in farmacia «Qui si può trovare un vademecum che spiega come proteggersi da febbre e raffreddori con semplici accorgimenti. Il materiale informativo invita la cittadinanza a chiedere consigli al farmacista che, a seconda dell’età della persona, può spiegare come prevenire i malanni di stagione attraverso l’assunzione di integratori o di prodotti omeopatici» come ha spiegato Laura Cesaroni presidente della Commissione comunicazione di Federfarma Roma sul sito di Federfarma.

Infine, per quanto riguarda il vaccino, «la campagna di vaccinazione antiinfluenzale sta andando bene, anche se è iniziata un po’ in ritardo. Quest’anno, infatti, in tutto il territorio si è avuto un incremento della domanda e dell’offerta del vaccino antiinfluenzale, che fa ben sperare sui numeri positivi di copertura vaccinale in tutte le persone a rischio» ha spiegato. Claudio Cricelli, presidente della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG) «A differenza dello scorso anno, non abbiamo registrato criticità nella distribuzione delle scorte di vaccini e la copertura si preannuncia buona».

(Visited 11 times, 11 visits today)