Per i regali di Natale si va in farmacia

Per i regali di Natale si va in farmacia

Per la prima volta creme cosmetiche e profumi scalzano i giocattoli fra i regali più venduti a Natale. Da novembre a dicembre infatti i prodotti di bellezza registrano un aumento del 57,6% delle vendite, subito dopo vengono giochi, giocattoli e articoli sportivi che crescono del 57%. Poi seguono gli elettrodomestici.

Questo è ciò che emerge dalle stime dell’Unione Nazionale Consumatori che ha condotto uno studio sulle spese di Natale, stimando la top ten delle vendite natalizie 2018 elaborando i dati Istat degli anni passati.

Dove si recano gli italiani per comprare i cosmetici natalizi? Anche in farmacia. Conferma e sottolinea con puntualità il trend dello shopping delle feste nelle farmacie l’analisi dei prodotti più venduti nel mese di dicembre degli scorsi anni condotta da New Line Ricerche di Mercato. Vediamo nel dettaglio i risultati del Natale dello scorso anno.


I più venduti in farmacia a dicembre

Gli italiani stanno acquisendo una nuova abitudine e solcano la soglia delle farmacie con la lista dei doni da completare così nell’ultimo mese dell’anno raggiungono improvvisi ed evidenti picchi positivi di vendita ben sei categorie: crescono sia i collaudati volumi delle vendite dei trattamenti per il viso sia i prodotti per il corpo che a dicembre fatturano rispettivamente oltre 51 milioni e 33 milioni di euro, seguiti dal make-up (oltre 12 milioni di euro) e dai profumi che arrivano a un valore di quasi 5 milioni di euro Inoltre crescono le vendite dei prodotti di bellezza per le mani (con più di 4 milioni di euro) ed, infine, i prodotti per la cura della pelle maschile con oltre 2 milioni di euro.

Picchi netti e sorprendenti di vendite si evidenziano in particolare per le fragranze, tradizionalmente associate ad un’ altra tipologia distributiva ovvero le profumerie. Invece la domanda dei profumi in farmacia raddoppia da novembre a dicembre e passa da 194.8 a 346.5 mila pezzi. Si tratta di un fenomeno relativamente nuovo legato alle scelte che alcuni farmacisti stanno facendo negli ultimi anni, ovvero offrire alla clientela fragranze dall’aria più raffinata ed affine alla pelle. Negli scaffali delle farmacie si fanno strada marchi di case essenziere artigianali e di piccole produzioni tipiche, con flaconi di vetro e packaging lussuosi,  così come profumi di marchi storici nel mondo delle fragranze con alle spalle una solido know-how nell’impiego di essenze ed oli essenziali ricavati dal mondo vegetale. Questi i punti di forza dei profumi nelle farmacie che a Natale vengono evidentemente riconosciuti come un importante valore in più, nonostante siano molto meno supportati da campagne pubblicitarie di quanto invece non succeda agli stessi prodotti venduti nelle profumerie che a dicembre si fanno battenti.

Curioso il picco di regali natalizi per la bellezza delle mani, super nicchia la cui vendita passa dai 402 ai 714 mila pezzi venduti nelle farmacie.  L’inverno è il periodo che mette a dura prova la pelle delle mani e creme, oli e prodotti specifici per la cura di mani e unghie, incartati con nastri e coccarde sono fra i doni preferiti.

Nelle farmacie, nelle settimane a ridosso del Natale crescono inoltre le vendite dei prodotti per il corpo che passano dai 1.981 ai 2.825 mila pezzi. Uomini e donne mettono sotto l’albero prodotti per l’igiene del corpo, insieme a creme ed oli emollienti e tonificanti.  Infine a dicembre cresce, seppure con una minore velocità, anche la vendita di prodotti per il maquillage. Cofanetti, trousse, rossetti, ombretti, matite per occhi e prodotti per ciglia e sopracciglia passano da 908.8 a 989 mila pezzi.


I cosmetici per lui

Ai farmacisti ci si comincia a rivolgere anche per i regali destinati al sesso forte: i trattamenti cosmetici per uomo. I prodotti più venduti in farmacia a dicembre vanno dai detergenti alle creme da barba, dai sieri ai balsami antirughe, dalle mousse ‘antipancia’ ai deodoranti, che passano dai  53.1 mila di novembre ai 130.2 mila pezzi venduti nel mese in cui si festeggia il Natale. I prodotti di bellezza da uomo stanno avendo sempre più successo in tutto il mondo.



L’uomo ricalca sempre più le abitudini femminili nella cura della pelle e studi mondiali segnalano che il beauty case maschile è sempre più colmo. Soprattutto quello dei millennials che contiene anche 10 prodotti (report Euromonitor International 2018). Il 40% degli uomini lava i capelli tutti i giorni e un quarto deterge la pelle ogni mattina con prodotti specifici per il viso. La saponetta è un lontano ricordo ma il segmento della bellezza per ‘lui’ è ancora sotto dimensionato rispetto alle potenzialità del settore nelle farmacie, nonostante queste ultime siano riconosciute come luogo di rivendita di prodotti non solo legati al mondo femminile (al contrario delle profumerie) e con una offerta di cosmetici affini anche alla pelle più delicata e con per problemi specifici (dall’acne alla caduta dei capelli) come quella maschile.

L’analisi di New Line Ricerche di Mercato conferma la trasformazione già avviata da tempo nel mondo delle farmacie che sono divenute luoghi per consigli e shopping non più solo strettamente legato alla salute ma al benessere in generale, incluso il  mantenimento della propria bellezza e luogo dove gli italiani vanno a caccia anche del regalo che mancava.


Fonte: New Line Ricerche di Mercato: consuntivo dicembre 2017 – analisi Natale

AUTORE

Due lauree in ambito scientifico, scrive di salute,
benessere, ricerca, cosmesi e società dal 1997.

Per l’Agenzia stampa ANSA si occupa di cultura e
lifestyle, per La Repubblica e sul sito www.repubblica.it
scrive di salute e benessere. Ha un suo Blog: www.thebeautyobserver.it

Twitter | @AgneseFerrara2
Facebook | @TheBeautyObserverItalia
Blog |  www.thebeautyobserver.it