Connected care: anche i farmacisti si adeguano

Connected care: anche i farmacisti si adeguano

L’adozione delle tecnologie digitali in sanità e la loro integrazione nel percorso di cura – che va dalla prevenzione, all’accesso alla cura, fino al follow-up – possono dare vita a un nuovo modello di cura definito “connected care”, un vero e proprio ecosistema innovativo per la cura e la sua salute, reso possibile dalla digitalizzazione a più livelli.

L’innovazione digitale già in atto, sta rivoluzionando il rapporto tra cittadino e Ssn: Osservatori.net ha analizzato quanto le tecnologie digitali vengono utilizzate o sono di interesse del cittadino le nelle diverse fasi in cui entra in contatto con il sistema salute.

Cittadini sempre più connessi

Per quanto riguarda la prevenzione i cittadini usano internet per informarsi sulla loro salute: il 38% cerca online informazioni su malattie, sintomi e cure; il 37% su corretti stili di vita e alimentazione; il 15% sui vaccini. Il 41% dei cittadini usa app di coaching e wearable, per monitorare stili di vita; di questi il 30% è favorevole a un coach virtuale che fornisca consigli in base ai parametri monitorati e i dati raccolti, mentre il 25% vorrebbe una chat con un assistente virtuale a cui chiedere informazioni. Per quanto riguarda le visite mediche il 51% dei cittadini cerca online informazioni su medici o strutture; il 23% ha effettuato prenotazioni online; il 19% ha pagato prestazioni online.

Uno dei nuovi trend più interessanti è quello delle “terapie digitali”, l’utilizzo di dispositivi usati di concerto a farmaci per ottimizzare la cura dei pazienti. Ne sono un esempio le App per il monitoraggio dell’aderenza e quelle con sensori che monitorano i dosaggi del farmaco.

In questo scenario di digitalizzazione della sanità si stanno muovendo anche i farmacisti: ne è un esempio la partnership esclusiva siglata tra Comifar, società di distribuzione farmaceutica, e Carepy, startup nata con lo scopo di migliorare l’aderenza terapeutica dei pazienti. L’accordo è finalizzato a offrire alle farmacie servite da Comifar le tecnologie messe a punto da Carepy.

La startup

Carepy nasce nel 2015 come servizio digitale di presa in carico del paziente da parte dei professionisti sanitari, per monitorare da remoto e supportare attivamente il paziente nella gestione ottimale del suo percorso di cura domiciliare, in modo da poter migliorare l’aderenza terapeutica con l’ausilio della squadra della salute composta da familiari o caregiver, farmacista, medico e infermiere.

Attualmente il servizio – che è stato premiato dal presidente della Repubblica con il “Premio dei Premi dell’Innovazione” – è utilizzato da circa 400 farmacie. Il suo punto di forza è la capacità di creare una rete virtuosa tra farmacie e pazienti che permette a entrambe le parti di raggiungere vantaggi tangibili. La farmacia scelta dal paziente grazie a Carepy Pharma può inserire i dati circa i prodotti erogati e le misurazioni effettuate in farmacia, supportando la famiglia nella gestione delle scorte e inviando consigli e promozioni mirate. Una App dedicata fornisce un assistente digitale che supporta quotidianamente la famiglia, segnalando per esempio quando assumere i medicinali, quando effettuare misurazioni, quando recarsi a un appuntamento o tornare in farmacia per riapprovvigionarsi dei prodotti. Il farmacista, dall’altra parte, ha tutti gli strumenti per prendere in carico il paziente e sostenere proattivamente l’aderenza terapeutica, monitorando costantemente tutte le attività svolte dal paziente. Esiste poi la possibilità di offrire il servizio su supporti cartacei per la popolazione più anziana.

(Visited 187 times, 1 visits today)