Mercato antinfluenzali: fatturato stabile nella stagione invernale 2018-2019

Mercato antinfluenzali: fatturato stabile nella stagione invernale 2018-2019

Il mercato degli Antinfluenzali ha sviluppato nei dodici mesi terminanti a febbraio 2019 un giro d’affari di 1,3 Miliardi di Euro, in lieve crescita del +0,9% rispetto a quanto realizzato nell’anno precedente. I volumi complessivi segnano invece un calo del -1,2% e raggiungono i 151 milioni di confezioni. Il mercato è segmentato in tre categorie: Prodotti per la Gola e Tosse, che pesano il 41,7% del fatturato complessivo dell’anno, Antipiretici che contribuiscono per il 32,7% e il restante 25,6% è costituito dai Decongestionanti, Salini e Unguenti Balsamici. Le dinamiche di questi segmenti, eccetto per i Decongestionanti, Salini e Unguenti Balsamici che registrano una crescita a valori del +2,5% e stabilità a volumi, sono allineate a quelle del mercato nel suo complesso.

 

 

Considerando solamente la stagione invernale, comprendente i mesi da novembre 2018 a febbraio 2019, si registra una sostanziale stabilità del mercato degli Antinfluenzali a fatturato e un decremento a pezzi del -3%. In particolare, si nota un calo degli Antipiretici (-4,2% a valori e -6,2% a volumi) e un incremento dei Decongestionanti, Salini e Unguenti Balsamici (+4,4% a valori e +1,5% a volumi).

Il grafico che segue mostra l’andamento del mercato degli Antinfluenzali nelle ultime tre stagioni invernali e rivela come la patologia influenzale abbia avuto dinamiche differenti nei diversi anni: il picco della stagione 2019-2018 si registra tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio, mentre nella stagione 2018-2017 lo raggiunse tra la fine di dicembre e inizio gennaio e, infine, la stagione 2017-2016 registrò il suo massimo nel mese di dicembre (fonte Influnet).

 

 

Analizzando nel dettaglio le diverse sottocategorie che compongono il mercato degli Antinfluenzali, si nota che gli Antipiretici ricoprono il ruolo principale in termini di fatturato con un peso del 32,7% in sostanziale stabilità rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, seguiti dai Prodotti per la Tosse (28,4%), con un trend del +0,5%, dai Decongestionanti nasali (17,2%), in crescita del +3,4% e dai Prodotti per la Gola (13,2) con il +0,9%. Fanalini di coda risultano le Soluzioni Saline (7,4%) con un trend del -0,5% e gli Unguenti Balsamici (1%) in crescita del +11%.

 

 

Il ranking delle prime dieci aziende del mercato degli Antinfluenzali mostra la leadership di Angelini con una quota del 22,4% del giro d’affari complessivo, stabile rispetto allo scorso anno. Seguono Reckitt Benckiser H. con una quota del 6,6% e un trend positivo del +33,6% e Zambon che contribuisce per il 5,9% al fatturato del mercato.

 

NL singolo