Un’altra settimana di lockdown: farmacie in picchiata

Un’altra settimana di lockdown: farmacie in picchiata

Gli italiani stanno a casa e frequentano sempre meno anche la farmacia. Già la settimana scorsa i mercati legati al Covid-19 avevano registrato una brusca frenata, un calo che non accenna ad arrestarsi, ma anzi peggiora, come evidenzia il report settimanale di New Line Ricerche di mercato. Il trend del periodo 30 marzo – 5 aprile è molto negativo anche rispetto alla stessa settimana del 2019, con un -9,6%. Sia l’etico che il commerciale hanno registrato un calo importante, con l’etico che perde il -8,4% rispetto alla stessa settimana dell’anno scorso e il commerciale che scende del -11,4%, in linea con quanto avvenuto nell’ultima settimana di marzo.

Notizie non buone anche per quanto riguarda i prodotti etici per le sindromi influenzali che, per la prima settimana da inizio febbraio a questa parte, registrano un trend negativo rispetto allo stesso periodo del 2019. Questo dato è particolarmente significativo perché mostra una riduzione della domanda anche inferiore rispetto a quanto solitamente avviene fuori stagione (a inizio aprile la vendita di farmaci per le sindromi influenzali si colloca a un livello non stagionale). È possibile che le scorte che i cittadini hanno accumulato nelle settimane precedenti possano aver giocato un ruolo su questa dinamica.

Globale

Etico

Automedicazione

Non va meglio ai prodotti per l’Automedicazione che riducono notevolmente il giro d’affari. Nella settimana dal 30 marzo al 5 aprile si registra infatti un notevole calo, anche superiore rispetto a quello della settimana precedente, rispetto allo stesso periodo del 2019. E le categorie di prodotti che sembrano impattare maggiormente sulla dinamica di questa ultima settimana sono ancora una volta i multivitaminici e i prodotti per il sistema respiratorio, categorie su cui pesano le scorte fatte nelle scorse settimane.

Mascherine facciali

E veniamo ai mercati simbolo dell’emergenza Covid-19 e cioè mascherine ed igienizzanti che registrano ancora numeri in crescita. Le mascherine continuano a salire non solo rispetto alla stessa settimana del 2019 ma anche rispetto alla settimana precedente. Un risultato che potrebbe essere spiegato con l’obbligo per i cittadini di indossarle, sancito dai decreti di Regione Lombardia e Veneto.

Per quanto riguarda gli igienizzanti mani, vediamo che si posizionano su livelli leggermente in crescita rispetto alla settimana 23-29 marzo.

Igienizzanti mani

Immunostimolanti

Italiani sempre molto attenti alla prevenzione in questa fase. Sul fronte del rafforzamento del sistema immunitario, infatti, ancora trend molto positivi anche se si osservano i primi segni di rallentamento. Gli immunostimolanti, sebbene con un andamento settimanale sempre molto positivo, stanno assistendo però a una progressiva riduzione della domanda. Anche la vitamina riduce leggermente i suoi volumi di vendita, ma in uno scenario comunque ancora molto positivo.

Vitamina C

Dermocosmetica

La dermocosmetica e i prodotti per il trattamento viso continuano a non essere in cima alla lista delle priorità dei cittadini e registrano trend molto negativi, ma c’è un timido aumento della domanda rispetto alla settimana precedente. Se confrontati ai risultati della stessa settimana del 2019, i trend sono molto negativi ma le vendite stanno leggermente crescendo.

Trattamenti viso

 

(Visited 6.043 times, 1 visits today)