Maggio positivo per la GDO, avanza la private label anche nel personal care

Maggio positivo per la GDO, avanza la private label anche nel personal care

Anche maggio si chiude in positivo per il mercato del Largo Consumo Confezionato (LCC) con un incremento del 2% in valore rispetto al 2023. Sono i dati che arrivano dal report con cui Circana fotografa mensilmente le vendite nella GDO. In crescita anche i volumi che segnano un +1.0% su base annua e un +2.1% solo nel mese di maggio.

 

La GDO classica è tornata in territorio positivo, ma la crescita dei volumi (+1.2%) rimane inferiore alla media. Il Discount continua a performare bene, con un incremento superiore ai 4 punti percentuali. Alcuni settori mostrano però performance negative, come gli Ipermercati (-1.6%) e i negozi di prossimità (-2.1%). I Superstore crescono leggermente (+0.6%), mentre i Super da 1.300 a 2.499 mq registrano un notevole +4.6%. Il Drugstore emerge come il miglior performer con una crescita del 6.2%.

 

Personal care in crescita del +2,8% a maggio

Tra i comparti che contribuiscono maggiormente alla crescita dei volumi, troviamo il Cura Persona (+2.8%), il Fresco (+3.6%) e l’Ortofrutta (+5.4%).
Il settore del Personal Care, nonostante le fluttuazioni dell’ultimo anno e mezzo, sembra dunque aver trovato un equilibrio e mostra segni di stabilità e crescita moderata per il 2024.

 

 

Avanza ancora la private label anche nel Cura Persona, sempre in recupero le promozioni

La marca privata continua a guadagnare terreno e a essere una scelta sempre più popolare tra i consumatori, con un incremento dello 0.1% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, raggiungendo il 29.8% del mercato. In particolare, nel segmento Cura Persona, nonostante parta da una base più bassa, sta crescendo rapidamente.

 

 

Le promozioni stanno ormai stabilmente recuperando, con un aumento del 2.1% rispetto all’anno scorso e sconti stabili. A gennaio 2023, le vendite promozionali rappresentavano il 21,4% del totale, una quota che è aumentata costantemente, fino a toccare il 25,1% a maggio 2024.

 

(Visited 97 times, 2 visits today)