Pharmaretail

Aziende

La nuova casa Corman, totalmente green

Chiara Fauda   |  26 settembre 2018

22 settembre 2018, una giornata speciale per Corman che inaugura la nuova sede insieme alle Istituzioni che hanno consentito la bonifica dell’’area ex Omar di Lacchiarella e ai dipendenti che hanno presentato con orgoglio il nuovo sito a impatto zero.

Il Dr. Guido Mantovani e il Dr. Giorgio Mantovani, Amministratore Unico e CFO di Corman, ci presentano in esclusiva la nuova sede e parlano dell’evoluzione dell’Azienda nel mercato (nel video l’intervista).


Corman verso il futuro

Nata a Milano nel 1947 grazie all’opera di Corrado Mantovani, l’azienda mantiene i suoi valori fondanti basati sulle persone che contribuiscono con impegno, sobrietà e trasparenza al suo sviluppo e sulla qualità.

Grazie a questi valori l’impresa è cresciuta nel tempo, acquisendo nuove fette di mercato in Italia e all’estero in 56 mercati sui 5 continenti e conta di raggiungere nel 2018 un fatturato di 80 milioni di euro.

Con la nuova sede a impatto zero, che riunisce il polo logistico, quello produttivo e gli uffici, Corman presta sempre più attenzione alla sostenibilità e all’ambiente e risponde alla crescente richiesta di prodotti per la salute a basso impatto ambientale e di alta qualità.


Corman in farmacia

L’offerta si rivolge a 12.000 farmacie in Italia ed è costituita da prodotti ipoallergenici per l’igiene femminile e per l’incontinenza, elettromedicali, prodotti destinati alla medicazione, all’igiene intima femminile e alla dolcificazione, sistemi per la somministrazione di insulina e per il controllo della glicemia, l’innovativo integratore per il trattamento della cistite e prevede anche il lancio di un dispositivo medico per lo screening della fibrillazione atriale realizzato da un gruppo di ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità.

«In un contesto dove il consumatore può decidere di acquistare in rete, solo il valore del consiglio e del servizio del farmacista, che indirizzando verso il prodotto più adatto, possono determinare una proposta differenziata rispetto agli altri canali» dice Guido Mantovani «sicuramente non sarà il prezzo a decidere la partita».