La nuova App LloydsFarmacia per il paziente cronico: intervista a Vincenzo Masci

La nuova App LloydsFarmacia per il paziente cronico: intervista a Vincenzo Masci

LloydsFarmacia, brand del Gruppo Admenta Italia, attivo a oggi con oltre 220 punti vendita nel centro-nord Italia, lancia una nuova App LloydsFarmacia.

Vincenzo Masci (nella foto), Responsabile Marketing&Acquisti del Gruppo Admenta Italia ne parla con Pharmaretail.

 

Qual è la vostra idea di assistenza al paziente e di aderenza alla terapia?

L’aderenza alla terapia è uno dei temi principali su cui LloydsFarmacia è impegnata, perché rappresenta un’esigenza e un bisogno fondamentale a cui la nuova Farmacia dei Servizi deve dare risposte e trovare soluzioni da una parte per i cittadini, fornendo un punto di riferimento per la Salute e la Prevenzione, dall’altra per il Sistema Sanitario, ponendosi come partner per abbattere i costi che inevitabilmente il SSN si trova a dover sostenere quando insorge una patologia. Solo per darvi dei numeri in Italia ci sono circa 24 milioni di persone con almeno una patologia cronica che comporta la necessità di assumere continuativamente una terapia farmacologica. Pensando che l’aderenza alla terapia si stima sia circa del 30% si capisce come in Europa il costo di tale mancanza di aderenza, tradotto in ricoveri ospedalieri, si aggiri attorno ai 125 miliardi di euro all’anno.

Per riuscire ad adempiere a questo ruolo e dare delle risposte a questo bisogno, ci siamo confrontati con tutti gli operatori della filiera: medici, istituzioni, farmacisti e soprattutto clienti attraverso domande ed interviste. Quello che è emerso è che nella maggior parte dei casi il paziente non segue la terapia perché il patient journey risulta per lo più troppo lungo e complesso. Il paziente cronico nel momento in cui riceve un piano terapeutico deve ricordarsi di prendere le medicine prescritte in determinati giorni ed orari e, poco prima che una delle medicine prescritte termini, tornare dal proprio medico per una nuova prescrizione e recarsi nuovamente in farmacia per prendere la nuova medicina prescritta.

 

Avete quindi evidenziato particolari esigenze  dei pazienti?

Un processo così lungo e complesso spesso implica che il paziente non si ricordi neppure quando e a che ora assumere il farmaco né tantomeno abbia il tempo di tornare a ritirare la nuova ricetta dal medico e recarsi ancora in farmacia per avere il medicinale. Complessità che aumenta nei pazienti fragili, di una certa età, magari soli. Quello che abbiamo pensato è di ridisegnare il patient journey, focalizzandoci su 2 aspetti fondamentali: ricordare al paziente quando e che cosa assumere in base al piano terapeutico definito dal proprio medico e facilitargli il percorso per la presa della ricetta piuttosto che della medicina in farmacia. Abbiamo perciò introdotto nella nostra nuova APP dei servizi il programma “La mia Terapia” che, sulla base del piano terapeutico definito dal medico ed inserito nella APP LloydsFarmacia, permette di avvisare il paziente rispetto a quali farmaci e in quali tempistiche assumere attraverso un alert. Inoltre, sempre tramite APP, riusciamo a offrire anche un servizio di delivery sia per il ritiro della ricetta dal proprio medico che per la consegna a domicilio del farmaco. In questo modo il paziente, quando inizia una terapia, ha la possibilità di essere sempre avvisato per ricordarsi di prendere il farmaco nei giorni e negli orari prestabiliti e, una volta che questo termina, di beneficiare di un servizio di home delivery del nuovo farmaco senza dover tornare dal medico o in farmacia. Si tratta di un aiuto importante per i pazienti cronici che hanno un piano terapeutico ben definito con ricette ripetute.

 

Nell’ambito della gestione del paziente cronico, quali altre iniziative avete in atto?

Il servizio “La mia Terapia” nella nostra APP è stata la prima iniziativa che abbiamo realizzato, oltre alla consegna a domicilio gratuita per gli over 65, un’iniziativa intrapresa in collaborazione con il Comune di Milano per il periodo estivo. Stiamo lavorando ad altri servizi che pensiamo siano utili per la gestione del paziente cronico, primo fra tutti un servizio di Assistenza Domiciliare, che potremmo essere pronti a lanciare il prossimo anno. Questo servizio consentirà a un operatore esterno, infermiere, di gestire in remoto i pazienti cronici, specialmente i più anziani, e assisterli a distanza nelle loro attività quotidiane. Stiamo finalizzando con i nostri partner il progetto, verificandone in dettaglio fattibilità e costi a carico del paziente o della famiglia, che dovranno essere assolutamente alla portata di tutti, perché l’accesso alla salute è per noi un principio primario. Specialmente in un momento storico come questo in cui sarà sempre più difficile avere accesso all’assistenza sanitaria gratuita in Italia, come in tutti gli altri Paesi del mondo.

 

Come si inserisce la nuova App in questo scenario? 

L’obiettivo è dare ai nostri pazienti e clienti un accesso veloce e facilitato ai servizi della salute ma ancora più al mondo Lloyds sia che la persona si connetta online sia che venga nelle nostre Farmacie. L’Online e la Farmacia fisica nella nostra visione rappresentano un unico mondo dove le persone potranno trovare assistenza e competenza entrando in contatto con i farmacisti di LloydsFarmacia, specializzati e pronti a dare consigli e trovare soluzioni per la loro salute o risposte ai loro bisogni anche attraverso i programmi di aderenza terapeutica, gli alert e la consegna a domicilio che consentono di interagire con il paziente, facilitandolo nel patient journey ed in definitiva aiutandolo a mantenere l’aderenza alla terapia. Questa è quella che noi chiamiamo la strategia phygital.

 

Come vedete il futuro dell’aderenza alla terapia nelle vostre farmacie? 

Il nostro obiettivo è diventare un punto di riferimento per i nostri clienti e per tutti i pazienti cronici, non solo come un punto di primo contatto, ma come un porto di approdo in cui sia possibile trovare supporto e soluzioni per la propria salute, dove poter fare prevenzione grazie alla competenza dei nostri farmacisti e dove trovare un alleato prezioso per l’aderenza grazie anche ai servizi digitali e fisici che stiamo sviluppando.

(Visited 16 times, 1 visits today)