Pharmaretail

Mercato

Mercato Cosmetico, le previsioni confermano la crescita in farmacia

Chiara Fauda   |  19 luglio 2018

Milano, 19 luglio 2018 – I dati dell’Indagine congiunturale presentati oggi stimano per l’anno in corso una crescita del 4,5% del fatturato globale del settore vicino agli 11,5 miliardi di euro, favorito fortemente dalle esportazioni.

I consumi interni previsti si approssimano a 10.300 milioni di euro, per un incremento del 2%, superiore al dato medio dei consumi in altri canali di un punto percentuale.

il presidente di Cosmetica Italia, Renato Ancorotti, presentando i risultati del primo semestre 2018 e le previsioni per l’anno, ha confermato la volontà delle aziende a investire in ricerca e innovazione esprimendo la fiducia in uno sviluppo positivo del mercato.


 

I canali di distribuzione

I canali professionali confermano la ripresa evidenziata negli ultimi esercizi, grazie anche all’investimento delle imprese a favore delle categorie professionali.

Positivo, seppur a ritmo rallentato, l’andamento previsto per il canale farmacia (+1,5%). I consumi della grande distribuzione invece, che coprono più del 41% del mercato cosmetico nazionale, registrano una crescita attesa a fine 2018 di un punto percentuale.

Le previsioni di fine anno per l’erboristeria, +0,5%, confermano la tenuta del canale, anche se con valori più ridotti rispetto ai precedenti esercizi. Incerta la tendenza del canale profumeria per cui gli operatori segnalano comunque proiezioni possibiliste (+0,5%) per il 2018.

Il contoterzismo registra una proiezione di crescita a fine anno di 10 punti percentuali. La crescita delle vendite dirette prevista nel 2018 è del 12%, grazie alla forte dinamica delle vendite online che si contrappone al rallentamento delle vendite dirette classiche (porta a porta e corrispondenza).



Il consumatore

La D.ssa Bruno dell’Istituto Piepoli ha presentato i comportamenti di acquisto. La farmacia si conferma un importante luogo di acquisto per i prodotti di detersione e cura della pelle del viso, secondo solo a Super o Iper. Le profumerie, i monomarca, i casa toilette sono preferiti per l’acquisto di prodotti cosmetici per il viso. Gli acquisti online sono in crescita, il 49% degli intervistati dichiara di aver aumentato la spesa di cosmetici nell’ultimo anno e sono soprattutto le piattaforme generaliste ad essere utilizzate.

Sono soprattutto i giovani e i giovani adulti ad acquistare online, in particolare gli uomini mostrano una forte propensione ad acquistare in questo canale.


I trend di consumo

La D.ssa Bruno ha delineato anche i nuovi trend, di un consumatore sempre più informato ed esigente. Si afferma presso i consumatori l’attenzione al ‘green’ e ad un’economia sostenibile, con una preferenza verso prodotti che abbiano ingredienti naturali con un packaging riciclabile. Aumenta la richiesta per prodotti che aiutano a mantenersi giovani, frutto delle più avanzate tecnologie. Crescente la preferenza per i prodotti che si ispirano alla cosmesi coreana, dalla quale emulano i formati (maschere di tessuto ad esempio) e i principi attivi.  Il Made in Italy resta un valore per i consumatori.

A livello di canali distributivi, si afferma l’acquisto multicanale, la crescita per l’acquisto automatico di prodotti utilizzati già conosciuti e utilizzati quotidianamente (ad esempio su abbonamento), il sempre maggior ricorso all’online dove si svilupperà una customer experience virtuale e, parallelamente, il potenziamento del fattore esperienziale nei punti vendita.


L’evoluzione della farmacia

Il canale farmacia, che abbiamo visto essere un ottimo punto di riferimento per il consumatore soprattutto per il trattamento e l’igiene del viso, consoliderà la propria posizione attraverso un lavoro di posizionamento nel consiglio, la specializzazione e il potenziamento dei servizi.

L’online non sarà un competitor ma anzi un’ulteriore opportunità di raggiungere il pubblico che ricerca informazione specifica e consiglio o per proporre le proprie promozioni su prodotti basici.


Ci sono dunque buone prospettive e ottime opportunità in un mercato in crescita per la farmacia.