A novembre riparte la prevenzione Apoteca Natura

A novembre riparte la prevenzione Apoteca Natura

Riparte a novembre “Ci sta a cuore il tuo cuore”, la campagna promossa da Apoteca Natura in collaborazione con Simg (Società Italiana di Medicina Generale) e Amd (Associazione Medici Diabetologi) e da quest’anno patrocinata da Fofi. Per tutto il mese, nelle 541 farmacie del network verrà proposta la compilazione di un questionario per individuare i fattori di rischio cardiovascolare, accompagnata da un opuscolo informativo sui corretti stili di vita. Il questionario è stato formulato sulla base di documenti ufficiali come la Carta del Rischio Cardiovascolare, realizzata dall’Istituto superiore di Sanità per valutare la probabilità di sviluppare un evento cardiovascolare maggiore (infarto, ictus) nell’arco di 10 anni, e il Test Findrisc dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, per stimare il rischio di sviluppare un diabete mellito di tipo 2. La compilazione potrà essere svolta direttamente nelle Farmacie Apoteca Natura, oppure da casa attraverso il sito www.apotecanatura.it (e ritirando poi i risultati del test nella farmacie associata più vicina).


Novità del 2014 è la possibilità di compilare il questionario in forma nominativa, così da consentire una consulenza personalizzata: dopo almeno 6 mesi, chi ha partecipato alla campagna può compilare un secondo questionario di controllo – online o in farmacia – e monitorare i propri progressi. I dati acquisiti, in forma rigorosamente anonima, forniranno la base per uno studio di Farmacoeconomia condotto per i prossimi due anni assieme all’Università Cattolica e con il patrocinio di Fofi, per valutare l’impatto economico della prevenzione sul Sistema sanitario nazionale e il ruolo delle farmacie in questo contesto.


Ogni martedì del mese, infine, chi si reca in una delle farmacie del network potrà effettuare un’autovalutazione guidata del proprio stile di vita e ottenere controlli gratuiti su prenotazione: misurazione della pressione arteriosa, della colesterolemia totale, dell’indice di massa corporea e della circonferenza addominale. Qualora  dal controllo emergessero elementi di rischio, il farmacista potrà consigliare di rivolgersi al proprio medico di famiglia, per un controllo più approfondito.

(Visited 11 times, 1 visits today)
LA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti per non perderti gli ultimi dati del mercato della farmacia