Automedicazione sempre più “rosa”

Secondo una ricerca promossa da Anifa, oltre la metà delle donne che lamenta piccoli disturbi ricorrenti come cefalee, dolori mestruali o malesseri gastrointestinali fa uso di farmaci Otc con regolarità

Automedicazione sempre più “rosa”

Mal di testa, dolori mestruali, disturbi gastrointestinali e da stress sono compagni di vita del 70% delle donne che, almeno due volte al mese, fanno i conti con piccoli disturbi ricorrenti. Per risolverli, oltre la metà delle donne ricorre ai farmaci di automedicazione. Secondo un’indagine promossa da Anifa (Associazione nazionale dell’industria farmaceutica dell’automedicazione) su un campione di donne adulte, il mal di testa è il primo fra i disturbi più ricorrenti del gentil sesso: quasi il 70% delle intervistate dichiara di soffrirne con regolarità. Seguono i dolori mestruali (45,5%), i disturbi da stress (citati nel 41,5% dei casi), il gonfiore alle gambe e i disturbi gastrointestinali, di cui soffrono quasi il 40% delle intervistate. Si tratta di lievi malesseri che condizionano la vita e l’umore delle donne in media almeno 2 volte al mese: quasi il 50% delle donne intervistate ammette di diventare più lunatica e suscettibile, di provare disagio nelle relazioni con gli altri (26%) e di avere anche difficoltà sul lavoro (20%). A risentirne sono in particolare le giovani: il 59% delle under 25, infatti, dichiara di avere disturbi dell’umore e una su tre difficoltà di concentrazione.

Fortunatamente la donna di oggi è molto attenta alla salute e per questo, da un lato, sempre alla ricerca di rimedi che preservino il benessere nella speranza di tenere il più possibile lontano le malattie vere e proprie e, dall’altro, anche ben disposta ad assumere i farmaci se si rendono necessari in alcune occasioni. Fra questi, i farmaci di automedicazione, quelli riconoscibili grazie al bollino rosso che sorride apposto sulla confezione e acquistabili senza obbligo di ricetta medica, sono i primi rimedi cui le donne ricorrono nel 56% dei casi, seguiti da riposo (36%) e vecchi rimedi della nonna. In particolare, è all’aumentare dell’età che le donne fanno sempre più uso di Otc per alleviare il disagio (63,3% delle over 55). E se è vero che la maggioranza sa “autogestirsi” con i farmaci di automedicazione, le donne sono anche consapevoli che spesso è bene rivolgersi comunque al medico (44,8%) o chiedere consiglio al proprio farmacista (38%).

(Visited 15 times, 1 visits today)
LA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti per non perderti gli ultimi dati del mercato della farmacia