Avvio di dicembre sotto tono per la farmacia: i dati New Line RDM

Dati aggiornati al: 6 Dicembre 2020

Avvio di dicembre sotto tono per la farmacia: i dati New Line RDM

La prima settimana di dicembre non parte con segnali incoraggianti per la Farmacia: il trend rispetto agli stessi sette giorni del 2019 è, a livello globale, pari ad un -7,8% a confezioni e non si vedono, complessivamente, dinamiche positive né sul fronte del farmaco RX (-5,4% a confezioni) né su quello del Commerciale, che perde il -11,5% a confezioni se considerato nel suo insieme e il -17,1% se depurato della componente Sanitari. I livelli assoluti di vendita sono superiori rispetto a quanto registrato nell’ultima settimana di novembre ma la domanda complessiva rivolta al canale è ancora inferiore rispetto allo scorso anno; anzi, il differenziale negativo si sta allargando. Sul fronte del farmaco Etico, il cumulato a confezioni dall’inizio di settembre segnava un -1,6% a fine novembre che diventa un -1,9% con l’aggiunta dell’ultima settimana; sul fronte del Commerciale al netto dei Sanitari la dinamica è anche peggiore: da un -3,5% a confezioni si è arrivati ad un -4,6%. A determinare questi risultati sono sia la ridotta domanda di farmaci e prodotti ad essi correlati che in questo periodo vedono, generalmente, il loro picco stagionale a causa della diffusione delle patologie influenzali e parainfluenzali, sia la scarsa richiesta di prodotti meno legati alla cura e alla prevenzione e dal carattere più commerciale. Questi ultimi sono penalizzati sia dallo stile di vita che deriva dalle misure restrittive per il contenimento del Covid (parziale lockdown, molto smart working, maggiori vincoli economici per molte famiglie) sia dalle nuove dinamiche di acquisto che, riducendo anche il tempo di interazione con lo spazio espositivo della farmacia, penalizzano l’acquisto d’impulso, spesso associato a questa tipologia di prodotti.

Il farmaco su prescrizione segue la stessa dinamica dell’anno passato ma i livelli della domanda sono molto più bassi, come già visto. Questo porta a trend negativi rispetto alla stessa settimana del 2019 in quasi tutte le principali aree del farmaco su ricetta.

Cala la domanda di farmaci per la cura delle patologie croniche legate all’ambito cardiovascolare (-2,6% a confezioni). Prosegue il decremento nelle vendite di tutti quei farmaci per la cura delle patologie autunnali a cui la popolazione è ora meno soggetta. In primo luogo si registra una minore domanda di farmaci legati al sistema respiratorio, tra cui prodotti per la gola, la tosse, decongestionanti nasali e antipiretici. Questi ultimi, per la prima volta dopo diverse settimane, registrano livelli inferiori rispetto all’anno passato. Prosegue anche il calo degli antibiotici (Antimicrobici Generali per Uso Sistemico), il cui differenziale è ormai elevatissimo rispetto allo scorso autunno (-26% a confezioni nell’ultima settimana e un -14,5% sul cumulato da inizio settembre) e anche sul fronte degli antidolorifici e dei gastrointestinali su prescrizione i livelli sono più bassi rispetto all’anno passato.

(Visited 254 times, 1 visits today)

GLOBALE

FARMACO RX

SISTEMA RESPIRATORIO ETICO

ANTIMICROBICI GENERALI PER USO SISTEMICO

AUTOMEDICAZIONE

Non si arresta il pattern negativo del mercato dell’Automedicazione: ad inizio dicembre i volumi di vendita sono ancora inferiori rispetto a quanto registrato nell’ultima settimana di novembre e il trend rispetto al 2019 è del -17,9%. Peggiora quindi ancora il progressivo da settembre, che arriva a segnare un calo a confezioni del -3,9%.

Nessuna variazione rilevante nelle dinamiche rispetto a quanto osservato nelle precedenti settimane. Calano ancora le vendite di prodotti per la cura delle sindromi tipiche del periodo (antipiretici, in fortissimo calo soprattutto negli ultimi sette giorni, prodotti per la tosse, decongestionanti, analgesici), si riduce molto la domanda di probiotici, anch’essa collegata ai trattamenti antinfluenzali, e sta rientrando anche la richiesta di prodotti per il rafforzamento del sistema immunitario quali vitamine, immunostimolanti, Sali Minerali, Multivitaminici e Multiminerali. I livelli di vendita di questi ultimi prodotti sono ancora molto elevati rispetto al 2019, ma la dinamica che si osserva è di un graduale rientro della richiesta.

In maniera del tutto asincrona rispetto a quanto osservato in quasi tutti gli altri mercati, si registra una continua crescita delle vendite di prodotti di automedicazione per il riposo notturno e di calmanti, la cui domanda è sicuramente sostenuta dal momento molto particolare che stiamo vivendo.

(Visited 254 times, 1 visits today)

IMMUNOSTIMOLANTI

ANTIPIRETICI

 

 

(Visited 254 times, 1 visits today)

RIPOSO NOTTURNO E CALMANTI

DERMOCOSMETICA

Dopo la leggera spinta positiva del Black Friday, che non è stata comunque capace di risollevare le sorti del mercato neppure per una settimana, nella Dermocosmesi osserviamo un nuovo marcato calo della domanda sia rispetto ai sette giorni precedenti che rispetto al 2019 (-19,7% a confezioni).

Non parte la domanda, neppure a fronte dell’abbassamento delle temperature, che indurrebbero una maggiore necessità di trattamenti per viso e corpo, e dell’avvicinarsi del periodo natalizio.

Nel mercato dei Trattamenti viso, sia nella componente degli Antietà che degli Idratanti e Protettivi labiali, la dinamica è infatti assolutamente in controtendenza rispetto a quella del 2019, con le vendite in calo invece che in crescita (con un conseguente trend sull’ultima settimana del -24,3% a confezioni).

Anche i Trattamenti per il Corpo, che nelle ultime settimane hanno seguito, seppure su livelli di vendita più bassi, una dinamica allineata a quella dell’anno passato, ad inizio dicembre hanno cambiato comportamento. Non si registra, infatti, il consueto aumento delle vendite e, di conseguenza, i trend si abbassano e toccano un -15,8% a confezioni.

(Visited 254 times, 1 visits today)

TRATTAMENTI VISO

TRATTAMENTI CORPO

LA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti per non perderti gli ultimi dati del mercato della farmacia