Consumi in ripresa, inizio d’anno ok in farmacia

Consumi in ripresa, inizio d’anno ok in farmacia

Il mercato della farmacia ha sicuramente iniziato il 2015 nel modo migliore, registrando buoni risultati sia nel complesso che, in particolare, nell’ambito maggiormente commerciale. In gennaio si osserva infatti, rispetto allo stesso mese dello scorso anno, una crescita del 3,1% a valore e del 4% a volumi. Se da una parte si registra una lieve crescita nel comparto etico, che segna un +0,7% a fatturato ed un +1,7% a pezzi, dall’altra il comparto commerciale ha registrato trend di crescita molto interessanti sia a fatturato (6,9%) sia a pezzi (+7,5%).

(Visited 35 times, 1 visits today)

Scontrini, balzo in avanti degli ingressi

B20150218-1


L’analisi degli ingressi mostra che rispetto al gennaio 2014, a parità di giorni lavorati, il numero degli ingressi in farmacia è aumentato del 4,8%, comportando un incremento nel numero medio di scontrini per ogni giornata di lavoro del 5,2%. Il valore a pezzi e fatturato dei singoli ingressi è rimasto costante ma l’afflusso in farmacia è stato chiaramente maggiore. Anche l’analisi degli ingressi mostra, quindi, i buoni risultati di inizio anno.

(Visited 35 times, 1 visits today)

"Volano" Sop e Otc, a valori e a volumi

B20150218-2


All’interno dell’ambito etico osserviamo performance tendenzialmente stabili per il farmaco mutuabile, che perde lievemente a valore (-1,1%) e ottiene un +0,8% a volumi. Il farmaco non mutuabile realizza, invece, una buona crescita a fatturato (+2,7%) e un trend stabile a pezzi (+0,8%) mentre è sempre in crescita il generico – anche se con trend inferiori rispetto a quelli registrati nel mese passato – che realizza un +8% a valori ed un +5,1%  a volumi rispetto allo stesso mese dello scorso anno.

Se, da una parte, il farmaco su ricetta non ha mostrato trend particolarmente diversi dal solito, dall’altra è interessante osservare l’ottima crescita ottenuta nel mese da Sop e Otc. Il farmaco senza obbligo di ricetta ha infatti registrato un incremento a valori del 14,5% per i Sop e del 13,8% per gli Otc e una crescita a volumi rispettivamente del 14,2% per i Sop e del 10,2% per gli Otc. Questi risultati sono certamente associati al picco influenzale che si è avuto a gennaio, soprattutto nella seconda metà del mese. A confermarlo sono i trend mensili dei gruppi terapeutici maggiormente associati alla cura delle sindromi influenzali (che sono anche quelli che pesano maggiormente nel farmaco senza obbligo di ricetta). Si osserva una crescita a doppia cifra per i preparati per la tosse e le malattie da raffreddamento, per gli analgesici ed i farmaci antiinfiammatori ed antireumatici. Ottimi risultati, sempre a doppia cifra, anche per i prodotti stomatologici, per i prodotti rinologici, per le vitamine ed i preparati per il cavo faringeo.

(Visited 35 times, 1 visits today)

Nel parafarmaco determinante la stagionalità

B20150218-3


Il periodo invernale e la diffusione della sindrome influenzale hanno sicuramente condizionato anche i risultati del parafarmaco, il cui comparto in maggior crescita è quello dei fitoterapici (+18,3% a valore e +17,5% a volumi), al cui interno si registrano ottimi risultati per quelle referenze utilizzate proprio per la cura delle patologie invernali (Grintuss pediatrico ed adulti e Propol2 EMF spray di Aboca, solo per citare le prime tre referenze della graduatoria prodotti, ma a seguire la maggior parte dei prodotti in crescita sono destinati al rafforzamento delle difese immunitarie ed alla cura della gola). Anche l’omeopatia, che cresce del 4,9% a fatturato e del 4% a pezzi, ottenendo performance migliori di quelle dei mesi passati, deve i suoi risultati principalmente a referenze associate alle sindromi invernali (Stodal sciroppo, Omeogriphi ovuli, Arnica compresse Hell, Euphorbium spray nasale, solo per citare alcune referenze).

Il parafarmaco nel suo insieme registra buoni risultati, con un +4,6% a fatturato ed un +5,7% a pezzi. Al suo interno si osservano risultati differenti tra le varie categorie, anche se la maggior parte di esse registra buoni trend rispetto al gennaio 2014. Innanzi tutto si evidenzia una crescita del 7,5% a fatturato e del 4,2% a pezzi per gli alimenti dietetici, sempre trainati dagli integratori; a seguire risultati davvero buoni per la dermocosmetica, che cresce del 7,1% a fatturato e del 13,1% a pezzi, grazie soprattutto al contributo positivo dei trattamenti per il viso e di quelli per il corpo e dei solari (che comunque pesano molto meno dei primi due in termini di quota sul totale comparto). Infine segni positivi anche per la veterinaria, con un +8,5% a valori ed un +9,8% a volumi. Stabili invece a fatturato i sanitari (-0,4%) ed in crescita a pezzi (+5,5%) e stabilità anche per l’igiene (+1,4% a valori e +2,6% a volumi).

(Visited 35 times, 1 visits today)
LA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti per non perderti gli ultimi dati del mercato della farmacia