Dalla gdo uno studio sugli errori che fanno default

Dalla gdo uno studio sugli errori che fanno default

Due punti e mezzo di differenza nella redditività lorda e altrettanti nei costi di struttura. Sono alcuni dei parametri che, nella Gdo, separano le imprese sane da quelle fallite nel biennio 2011-2012. L’analisi arriva da uno studio condotto dalla società di consulenze Obiettivo Valore sui bilanci di 2.200 società di capitale operanti nella distribuzione organizzata, dalle superette fino a superstore e catene. E’ una ricerca che merita di essere letta nelle sue conclusioni anche da chi opera nel canale farmacia, non solo perché consente di valutare gli effetti della crisi tra i concorrenti più temuti,  ma anche perché offre un utile ammaestramento sulle mancanze che spesso fanno la differenza tra buona conduzione e fallimento.

Innanzitutto i dati “macro”: rispetto al campione selezionato, il numero delle aziende fallite nel biennio 2011-2012 ammota a 116, pari al 5,2% del totale. Di tutte le 2.200 società prese in esame, sono stati presi in esame i bilanci dei quattro esercizi precedenti il fallimento. L’analisi ha così consentito di individuare alcune evidenti differenze tra le aziende che sono incappate in un default e quelle che invece sono riuscite a rimanere “sane” (vedi anche tabella):

Ricerca gdo 1

Fonte: Obiettivo Valore 2014. Clic per ingrandire

1. La perdita di fatturato è uno degli elementi di maggiore divergenza fra le aziende sane e quelle fallite.
2. Le imprese fallite presentano perdite operative e, in generale, una redditività lorda (Ebitda) inferiore di due punti e mezzo rispetto a quelle sane.
3. Anche se tra imprese fallite e imprese sane non si evidenziano differenze in termini di Margine Commerciale medio storico, il suo trend appare nettamente diverso tra i due gruppi (in caduta per le aziende fallite, stabile per quelle sane).
4. Anche per la perdita di fatturato, le imprese fallite evidenziano costi di struttura (personale, servizi, affitti, oneri diversi) dal peso crescente sui ricavi: in media due punti e mezzo in più rispetto alle aziende sane.
5. Nelle aziende fallite, una minore rotazione del magazzino (di una volta e mezzo nell’anno) ha amplificato i danni derivanti dai risultati reddituali negativi, portando ad espandere l’indebitamento fino a farlo divenire insostenibile, e provocando crisi di liquidità poi sfociate nel fallimento.

6. Nei quattro anni precedenti il default, le imprese fallite presentano mediamente una capitalizzazione insufficiente (appena lo 0,4%), inferiore di 11 punti rispetto a quella delle aziende sane. Tale fattore dipende in parte dalle perdite prodotte nel tempo e non ripianate dai soci e incide direttamente sull’entità dell’indebitamento. Nelle aziende sane, infatti, i debiti incidono per il 25% del giro d’affari, nelle società fallite arrivano al 34%: è un valore non allarmante di per sé ma sintomatico di un evidente gap di struttura finanziaria.

Ricerca gdo 2

Fonte: Obiettivo Valore 2014. Clic per ingrandire

Rispetto a tali evidenze, i risultati più significativi arrivano dalle imprese fallite di maggiori dimensioni, ossia quelle con fatturato tra gli 8 e i 30 milioni di euro: in questo gruppo, infatti, le aziende incocciate nel default registrano perdite di fatturato e gap reddituali molto più ampi e marcati rispetto alle aziende sane di analoga dimensione. A risaltare è soprattutto la differente incidenza dei costi di struttura sul fatturato, che in media raggiunge per le aziende fallite il 4,1% contro il 2,5% dell’intero campione.

Il ruolo che il costante peggioramento delle performance recita nel default delle aziende emerge con evidenza anche da un confronto temporale tra aziende sane e fallite. Per consultare ogni grafico, è sufficiente cliccare sulla singola voce dell’elenco sottostante.

(Visited 244 times, 1 visits today)

Fatturati: crollo dei volumi per chi fallisce

Ricerca gdo 3a


Il grafico mostra una sostanziale tenuta del fatturato per le imprese sane (con una lieve crescita) a fronte di una crescente e marcata perdita di volumi di vendita per le aziende fallite. (Fonte: Obiettivo Valore 2014; clic sull’immagine per ingrandire).

(Visited 244 times, 1 visits today)

Margine commerciale: l'erosione porta al default

Ricerca gdo 3b


Pur mostrando una marginalità media simile, le imprese sane mostrano livelli pressoché inalterati di redditività commerciale; le aziende fallite invece hanno subito una costante perdita di marginalità. (Fonte: Obiettivo Valore; clic sul grafico per ingrandire).

(Visited 244 times, 1 visits today)

Rotazione del magazzino: le imprese sane hanno tenuto

Ricerca gdo 3c


Il grafico mostra una migliore tenuta della capacità di rotazione del magazzino per le imprese sane (con una lieve decrescita) a fronte di un marcato calo per le aziende fallite, i cui livelli sono diminuiti da 17 a 12 volte l’anno nel giro di tre esercizi. (Fonte: Obiettivo Valore 2014; clic sull’immagine per ingrandire).

(Visited 244 times, 1 visits today)

Costi di struttura: per chi fallisce cresce l'incidenza

Ricerca gdo 3cc


Il grafico mostra una minore incidenza dei costi di struttura in rapporto al volume d’affari per le imprese sane (con un lieve aumento nel 2011, a causa di un maggior aumento di tali costi rispetto al trend del fatturato) rispetto alle aziende fallite. Per queste ultime il peso dei costi di struttura è incrementato di quattro punti percentuali, in prevalenza a seguito della perdita di fatturato (-7% in media).
(Fonte: Obiettivo Valore 2014; clic sull’immagine per ingrandire).

(Visited 244 times, 1 visits today)

Margine operativo: inesorabile erosione verso il default

Ricerca gdo 3d


Il grafico mostra una sostanziale tenuta del Margine operativo lordo per le imprese sane (con una lieve decrescita nel 2011) a fronte di un dato iniziale inferiore e di una successiva e marcata perdita di redditività da parte delle aziende fallite, le quali hanno iniziato a registrare, in media, vere e proprie perdite operative a partire dal 2010.

(Visited 244 times, 1 visits today)

Capitalizzazione: patrimonializzazione inadeguata all'avvio per chi ha fatto default

Ricerca gdo 3e


Il grafico mostra l’importanza di livelli di capitalizzazione minimi adeguati: a fronte di una tenuta dell’indice da parte delle imprese sane (con un lieve calo nel biennio 2010-2011), le aziende fallite evidenziano una patrimonializzazione di partenza (nel primo anno di osservazione, il 2008) assolutamente inadeguata (3%) che infatti non ha permesso di sopportare le perdite accumulate negli anni successivi. Queste ultime hanno portato i livelli di capitale netto in territorio negativo e da qui il fallimento nello stesso esercizio o in quello successivo. (Fonte: Obiettivo Valore 2014; clic sull’immagine per ingrandire).

(Visited 244 times, 1 visits today)

Indebitamento: le aziende sane hanno saputo limitarlo

Ricerca gdo 3f


Il grafico mostra una sostanziale tenuta del livello di indebitamento rispetto al giro d’affari per le imprese sane (con una lieve decrescita nel biennio 2010-2011) a fronte di un’evoluzione in costante crescita da parte delle aziende fallite. Per quest’ultime il peso dei debiti è infatti quasi raddoppiato nel giro di due anni, a causa della perdita di fatturato e contestuale peggioramento dei margini e della rotazione del magazzino. (Fonte: Obiettivo Valore 2014; clic sull’immagine per ingrandire)

(Visited 244 times, 1 visits today)
LA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti per non perderti gli ultimi dati del mercato della farmacia