Off patent, cala il branded ma cresce l’equivalente

Off patent, cala il branded ma cresce l’equivalente

Nel 2014, in un mercato farmaceutico retail sostanzialmente stabile rispetto all’anno precedente, il farmaco equivalente è in controtendenza. Secondo i dati diffusi da New Line, il comparto dei farmaci (fascia A, C, Sop e Otc) che rappresentano il 69,7% a valore delle vendite complessive del canale retail, segna una flessione dello 0,9%. Ancora più marcata è la flessione dei farmaci off patent (-1,8%). Ma all’interno del mercato dei farmaci a brevetto scaduto, il farmaco equivalente continua a far registrare numeri in crescita: sale a valore del 7,5% e conquista il 20% della quota di questo mercato.


In particolare, tra gli equivalenti, si aggiudicano il gradino più alto del podio i farmaci per i disturbi correlati all’acidità (42,3% del mercato, +8,2% a valori). Seguono i farmaci urologici con una quota di mercato che si assesta al 37,9% e un +30% a valori rispetto al 2013, i farmaci per il diabete (35,1% del mercato, +7,2% a valori) e i lassativi (34,4% del mercato, -3,9%).
Per il 2014, Teva Italia si conferma leader di mercato dei farmaci equivalenti, sia per le vendite a volume, sia per fatturato.

Teva 20150128-1

Teva 20150128-3

(Visited 103 times, 1 visits today)
LA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti per non perderti gli ultimi dati del mercato della farmacia