Essere Benessere lancia la carta prepagata

Si chiama "Sfida la crisi" l'operazione lanciata a Bologna dalla catena milanese: ai clienti che acquistano la carta prepagata del gruppo (due tagli, da 10 e 50 euro) viene regalato il 30% di spesa in più

Essere Benessere lancia la carta prepagata

“Essere Benessere sfida la crisi”. E’ il titolo della campagna lanciata dalla catena milanese (70 farmacie a gestione diretta e in franchising, 5 parafarmacie, 28 corner Gdo e 85 City Store) per accrescere il potere d’acquisto delle famiglie. Lanciata a Bologna, l’iniziativa regala ai clienti del gruppo il 30% di spesa in più sull’alimentare. Perno dell’operazione le carte prepagate EB Più, di vari tagli: quella da 100 euro ha in realtà un potere d’acquisto di 130 euro, da utilizzare per i prodotti alimentari disponibili nel punto vendita (dalla pasta al latte, dal pane ai piatti pronti freschi, dalle insalate ai succhi). È disponibile anche una carta prepagata di 50 euro (con potere d’acquisto di 65 euro) che come quella di taglio maggiore può essere ricaricata e utilizzata in più passaggi, senza importi minimi di spesa.
Il City Store Essere Benessere di Bologna è il primo a lanciare l’iniziativa, valida fino a fine giugno, ma dalla prossima settimana si aggiungeranno i negozi di Asti e di Trento e quindi altre città. «Si tratta di un’occasione di risparmio vero per tutte le famiglie su beni di prima necessità come pane, latte, pasta, che i nostri clienti acquisterebbero comunque» commenta Danilo Salsi, presidente di Essere Benessere «non c’è l’intento di spingere ad acquistare il superfluo, ma la volontà di aumentare il potere d’acquisto delle famiglie in un momento di reale difficoltà. Da sempre Essere Benessere punta sull’accessibilità e questo non vuol dire solo che siamo sotto casa e che siamo aperti anche la domenica con orari comodi per tutti, vogliamo soprattutto dire che diamo un’occasione di risparmio reale e immediata ai nostri clienti».

(Visited 118 times, 1 visits today)
LA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti per non perderti gli ultimi dati del mercato della farmacia