Eurispes, cala ancora spesa degli italiani

Eurispes, cala ancora spesa degli italiani

L’erosione del proprio potere d’acquisto è ormai un dato di fatto per 7 italiani su 10 (71,5%) che hanno visto nell’ultimo anno diminuire nettamente o in parte la capacità di affrontare le spese con le proprie entrate. È quanto emerge dal Rapporto Italia 2015 dell’Eurispes, che sottolinea come a mutare non siano solo i modelli di consumo, con la contrazione degli acquisti considerati superflui (tempo libero, pasti fuori casa, parrucchiere, estetista, eccetera), ma anche i modelli di acquisto (e-commerce e mercato dell’ usato). Secondo il Rapporto, infatti, le famiglie si rivolgono sempre più spesso a punti vendita economici come grandi magazzini, mercatini, outlet (lo fa l’84,5% contro il 75,3% dello scorso anno) e si rimandando gli acquisti ai saldi (l’88,2% contro l’82,9%).
I tagli si riflettono anche sugli articoli tecnologici, l’80,1% (+8,5), quelle per la benzina, con un maggiore utilizzo dei mezzi pubblici (41,6%), quelle dedicate agli animali domestici (49,5%), per la baby sitter (53,5%) e per i collaboratori domestici (60,8%). Il 44,2% dei consumatori, inoltre, fa sempre più riferimento al mercato dell’usato (+18,3%), il 48,8% (+4,8) ha dichiarato di aver effettuato acquisti online per ottenere sconti e aderire ad offerte speciali. Rilevante, infine, il dato sui tagli sulle spese mediche (32,3%) che va di pari passo con l’aumento delle rateizzazioni per coprire i costi per curarsi (46,7%,+24,3%).

(Visited 6 times, 1 visits today)
LA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti per non perderti gli ultimi dati del mercato della farmacia