ISTAT, le tecnologie ICT sempre più diffuse nella vita degli Italiani

ISTAT, le tecnologie ICT sempre più diffuse nella vita degli Italiani

Dal quadro informativo ISTAT sull’utilizzo delle tecnologie ICT (Information and Communication Technologies) emerge un loro uso sempre più diffuso ed evoluto nelle attività economiche e nella vita quotidiana. Rimane ancora un gap rilevante dell’Italia rispetto agli altri paesi Ue soprattutto per il ricorso all’eCommerce come canale di acquisto e vendita di beni e servizi.


Lo scenario

Nel 2017 è sempre più alta la quota di famiglie e imprese con almeno 10 addetti che accede a Internet e la frequenza è diventata giornaliera per una buona parte dei cittadini.

Anche se a utilizzare Internet sono per lo più i giovani, la crescita è significativa anche tra le persone mature.

L’accesso avviene anche in mobilità, dato che smartphone e servizi cloud permettono la connessione e l’accessibilità ai file sempre e ovunque (vedi infografiche).


L’eCommerce

Pur lentamente continua ad aumentare la quota di imprese che vendono online (12,5%, 11% nel 2016 e 10% nel 2015). L’utilizzo di intermediari per l’eCommerce è molto significativo: il 30% delle imprese che hanno venduto via web nel corso dell’anno precedente ha realizzato almeno tre quarti del fatturato web tramite siti o app di intermediari.

In un anno, acquistano online il 53,0% degli utenti in crescita rispetto all’anno precedente di 2,5 punti percentuali. Tra chi non ha fatto acquisti negli ultimi 3 mesi il 43,2% ha cercato informazioni su merci o servizi e/o venduto beni online.


Questo crescente utilizzo dei sistemi informatici per informarsi, comunicare e acquistare rappresenta per la farmacia l’opportunità di raggiungere i propri o potenziali clienti nelle dimensioni digitali. Ciò significa un cambiamento dell’approccio al cliente, che si arricchisce di informazioni e dati utili per

conoscere bisogni e richieste di singole persone.

Fonte: ISTAT

(Visited 43 times, 1 visits today)
LA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti per non perderti gli ultimi dati del mercato della farmacia