La dematerializzazione della prescrizione in una app

La dematerializzazione della prescrizione in una app

La cosiddetta “salute digitale” (digital health) a supporto della farmacia è in rapida espansione, soprattutto negli Stati Uniti. Proprio in questi giorni arriva dal Paese a stelle e strisce la notizia dell’acquisizione, da parte di Digital Pharmacist Inc. di PocketRx, un’applicazione per smartphone che consente ai pazienti di gestire le loro prescrizioni mediche. «Combinando le caratteristiche della app con la nostra suite già esistente di prodotti, siamo in grado di offrire ai clienti gli strumenti più semplici e integrati per gestire i loro farmaci» spiega Chris Loughlin, amministratore delegato di Digital Pharmacist. «I nostri prodotti, inoltre, sono pienamente integrati nel flusso di lavoro della farmacia». Questa app è attualmente impiegata in oltre seimila farmacie negli Stati Uniti, nell’ambito di una piattaforma che coinvolge anche quelle ospedaliere, fornitori nazionali e brand farmaceutici per un totale di quattro milioni di utenti ogni mese.


I “plus” del prodotto

Le caratteristiche principali della app consistono innanzitutto nel fidelizzare il cliente, in quanto lega inscindibilmente quest’ultimo alla farmacia di fiducia, rendendola la sua “farmacia online”. La farmacia stessa ha la possibilità di accedere ai dati del cliente per verificare lo stato delle prescrizioni ripetute ed effettuare dei “pill/refill reminders”, favorendo l’adesione al trattamento e, quindi, l’efficacia terapeutica. Il cliente a sua volta può inviare la ricetta e ottenere in modo rapido (quick refill) i medicinali in farmacia verificandone la disponibilità (delivery options). Queste sono solo alcune tra le principali opzioni della app dedicate al cliente, alle quali ne corrispondono altre riservate al farmacista, il quale può avere informazioni su tutti i farmaci tramite un link a MedicinePlus (database web) e sugli stessi avventori prima che entrino nell’esercizio. È inoltre possibile rispondere ai quesiti dei clienti (ask the pharmacist) o mandare annunci a tutta la propria clientela (announcements), eventualmente con un marchio che evidenzi una promozione in corso (specials). Vi sono poi molti add-on come un pacchetto ‘marketing’ che include suggerimenti per post sui social media, una pagina web della farmacia di rapida realizzazione, un “cycle tracker” da offrire ai clienti per prendere nota di sintomi, gravità e periodi di eventi ciclici, e così via.


Il vantaggio di avere un servizio sanitario nazionale

La grande differenza tra l’America e l’Italia è l’esistenza, da noi, di un sistema sanitario nazionale che, se pure con diversità da regione a regione, di fatto sta imponendo una diversa prospettiva circa la gestione delle prescrizioni mediche, in modo che se ne possano avvantaggiare tutti, dallo Stato, al medico, al farmacista, al cliente.

(Visited 24 times, 1 visits today)
LA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti per non perderti gli ultimi dati del mercato della farmacia