Lombardia: diminuite del 35% le rapine in farmacia

Lombardia: diminuite del 35% le rapine in farmacia

Un 2017 più sicuro nelle farmacie lombarde: sono diminuite del 35% le rapine ai danni delle 874 farmacie delle province di Milano, Monza e Lodi, passando dalle 117 del 2016 a 73, secondo i dati diffusi dall’Associazione Lombarda Federfarma Lombardia, in linea con quelli della Questura di Milano.


Nuove tecnologie e formazione del farmacista

«Negli ultimi anni a Milano si contava una rapina al giorno in farmacia» commenta Annarosa Racca Presidente di Federfarma Lombardia «Di questo calo dobbiamo dare merito al lavoro delle Forze dell’Ordine e della Questura di Milano. Ormai da diversi anni si è instaurata una intensa collaborazione tra la nostra Associazione e gli uffici delle Forze dell’Ordine preposti alle indagini sulle rapine negli esercizi commerciali, tanto da arrivare ad organizzare corsi per i dipendenti di farmacia su come gestire il post-rapina e la raccolta delle prove. I nuovi metodi di indagine, sempre più sofisticati e tecnologici, come il sistema KeyCrime» continua Racca «hanno permesso di rendere sempre più efficaci le indagini di Polizia e Carabinieri rendendo gli arresti sempre più rapidi e potendo addebitare ai rapinatori seriali numerose rapine».

Se nel corso dell’anno è calato il numero delle rapine, non è però diminuita la violenza nell’esecuzione. Si è, infatti, registrato un aumento sia nell’uso di armi da fuoco (dal 23% nel 2016, al 30% nel 2017) sia da taglio (dal 35% del 2016 al 47% del 2017), a discapito di armi improvvisate.

Secondo l’Associazione delle farmacie, il rapinatore è nella maggior parte dei casi un uomo che agisce da solo, quasi sempre nelle ore serali, col volto semiscoperto, e che fugge a piedi dal luogo del reato.

(Visited 14 times, 1 visits today)
LA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti per non perderti gli ultimi dati del mercato della farmacia