Walgreens Boots, utili sopra le stime

Walgreens Boots, utili sopra le stime

Nel terzo trimestre fiscale del 2015 Walgreens Boots Alliance mette a segno risultati migliori delle previsioni, con un utile netto che sale a 1,30 miliardi di dollari e profitti per 1,02 dollari ad azione, 13 centesimi al di sopra delle stime degli analisti. I dati arrivano da una nota diffusa nei giorni scorsi dal colosso angloamericano, nella quale si ufficializza anche la conferma di Stefano Pessina nella carica di ceo. Pessina aveva assunto l’incarico ad interim lo scorso gennaio, dopo il completamento della fase due della partnership strategica tra Walgreens e Boots. Come riferisce la nota, la nomina è immediatamente effettiva e Pessina (che assume anche la carica di vicepresidente esecutivo) continuerà a riferire al presidente James Skinner.


«A soli sei mesi dalla fusione strategica stiamo cominciando a fare progressi e saremo in grado di mettere a segno un altro trimestre positivo» ha detto il manager italiano, sottolineando che la divisione che segue le farmacie «ha registrato un solido aumento delle prescrizioni mediche e continua a fare bene, come previsto». Resta comunque lavoro da fare, tanto più che «tipicamente il quarto trimestre è il più lento, in parte a causa della stagionalità del business».

Nei tre mesi che terminano con maggio, l’utile netto di Walgreens Boots Alliance ha toccato il valore di 1,18 dollari per azione contro i 74 centesimi  dello stesso periodo dell’anno scorso. Le vendite nette sono salite del 48% e toccano i 28,80 miliardi di dollari, mentre i dividendi sono cresciuti del 6,7% (36 centesimi per azione). Le stime ora prevedono per l’intero anno profitti tra 3,70 e 3,80 dollari per azione, meglio della forchetta tra 3,45 e 3,65 dollari prevista dagli analisti.

(Visited 9 times, 1 visits today)
LA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti per non perderti gli ultimi dati del mercato della farmacia