Continuano le iniziative di solidarietà del mondo Pharma

Continuano le iniziative di solidarietà del mondo Pharma

Anche se la curva dei contagi sembra entrata nella fase discendente, siamo ancora in piena fase di emergenza e la solidarietà da parte delle aziende non si ferma. Realtà farmaceutiche e aziende coinvolte nei diversi aspetti della salute sono impegnate nell’aiuto alle istituzioni, alla Protezione Civile e alle diverse realtà di volontariato. E PharmaRetail continua a raccontare le iniziative di solidarietà.

Dalla raccolta fondi dei dipendenti alla tecnologia

A livello globale Philips, attraverso Philips Foundation, ha deciso di supportare con una donazione di 150.000 euro le attività della Protezione Civile e della associazione Cesvi, organizzazione umanitaria basata a Bergamo che sta sostenendo l’Ospedale Papa Giovanni XIII di Bergamo. Intanto Philips Italia ha offerto a Regione Lombardia e Protezione Civile l’uso gratuito fino alla fine dell’emergenza degli ex uffici di Philips Spa, a Monza (un complesso in uso fino a marzo 2018, di 24.000 mq) per la destinazione che i due enti riterranno più necessaria e appropriata nella gestione dell’emergenza. Ha poi lanciato una raccolta fondi tra i dipendenti, che l’azienda ha deciso di raddoppiare: grazie a questo impegno condiviso sono stati donati 50.000 euro alla Croce Rossa Italiana.

Una maratona di raccolta fondi tra i dipendenti è stata lanciata anche da Gsk, che conta oltre 4.000 dipendenti italiani di Gsk e ViiV, della durata di una settimana, il cui totale sarà raddoppiato dall’azienda e consegnato alla Protezione Civile. A questa iniziativa si aggiunge la donazione di un milione di euro alla Protezione Civile italiana, somma che sarà impiegata per allestire unità di terapia intensiva, acquisire macchinari, fornire dispositivi di protezione individuale e ogni altro aiuto necessario sul fronte dell’epidemia: è il progetto di solidarietà #AiutiamogliEroi promosso da tutta GSK in Italia per supportare la comunità in questo grave momento di emergenza sanitaria dovuta al Covid19, a cui partecipa anche GSK Consumer Healthcare, con sede a Baranzate (Milano). Infine è stata attivata una collaborazione con SIMG per sanificare 100 studi di Medici di medicina generale nelle aree a più alta diffusione del virus. A livello globale Gsk ha fatto una donazione di dieci milioni di dollari al Covid-19 Solidarity Response Fund, creato dalla Fondazione delle Nazioni Unite e dall’Oms per svolgere a livello internazionale un ruolo di supporto ai paesi analogo a quello della nostra Protezione Civile.

AstraZeneca, da parte sua, ha concentrato i propri sforzi nella gestione della carenza di dispositivi di protezione individuale per tutti gli operatori in prima linea nella gestione dell’emergenza, donando nove milioni di mascherine per sostenere gli operatori sanitari di tutto il mondo. Inoltre collabora attivamente con la Covid Action Platform del World Economic Forum. L’Italia sarà il primo Paese a ricevere questa settimana la donazione di 500.000 mascherine destinate alla Protezione Civile, a cui si aggiungono 100.000 mascherine FFP3 donate agli ospedali della Regione Lombardia per accelerare la sua capacità di affrontare la crisi, insieme ad altre 100.000 mascherine che verranno distribuite negli ospedali di tutta Italia. Complessivamente, in Italia, AstraZeneca si sta impegnando con uno stanziamento di due milioni di euro investiti in beni e servizi.

A favore della Protezione Civile anche la donazione di 100.000 euro del Consorzio Dafne, Community B2B no profit costituita nel 1991, composta da aziende healthcare, distributori intermedi, depositari e concessionari. Mentre Nathura ha donato 10.000 euro all’associazione Grade Onlus per il sostegno dell’Ospedale di Reggio Emilia nella gestione dei pazienti Covid e 1.500 euro alla Croce Arancione di Montecchio Emilia per le ambulanze che trasportano i malati Covid.

Diverso l’approccio di Msd Italia, che ha deciso di impegnarsi nella donazione di tecnologie e strumenti che consentono il monitoraggio, il trattamento e il controllo dei pazienti cronici da remoto per un valore di mercato fino a 1,5 milioni di euro. Infatti, l’emergenza sanitaria creata dalla pandemia del coronavirus sta generando difficoltà di accesso alle strutture ospedaliere e territoriali da parte dei pazienti, soprattutto quelli più fragili, anziani, cronici e con comorbidità. Difficoltà di accesso che riguardano anche la medicina generale. La donazione nasce da una peculiarità distintiva del gruppo Msd Italia al cui interno opera la società Vree Health, leader nella progettazione, sviluppo e commercializzazione di servizi innovativi e soluzioni di Connected Health per migliorare la qualità di vita e la salute dei pazienti. Le piattaforme, le App e i kit di telemonitoraggio con device certificati consentono soluzioni di Disease Management in grado di assistere il paziente cronico e supportare il medico nel monitoraggio costante dello stato di salute e nella migliore gestione delle condizioni cliniche.

Infine un aiuto ai farmacisti impegnati in prima linea nell’emergenza Covid-19, arriva da Fulcri, che ha messo a disposizione di tutte le farmacie e parafarmacie sul territorio nazionale, per tutto il 2020, la App gratuita PharmaQUI. Per le farmacie è evidente la difficoltà nel gestire il lavoro quotidiano essendo la prima linea del fronte e dovendo rispettare e far rispettare le norme emanate per contrastare la diffusione del Covid-19. Si tratta di uno strumento utile a mettere in contatto farmacie e clienti, poiché attraverso l’applicazione sono possibili una serie di servizi: per esempio prenotare prodotti evitando così l’affollamento in farmacia, anche utilizzando il Nre (Numero ricetta elettronica) fornito dal medico di base e allegando un’immagine alla prenotazione. I clienti possono essere costantemente informati con notifiche push, conoscere gli orari di apertura, contattare direttamente la farmacia e possono chattare con lo staff attraverso il canale WhatsApp integrato nella App, nonché visitare direttamente i canali social della Farmacia (Facebook e Instagram).

Tra i sostenitori dell’iniziativa di Fulcri, c’è New Line Digital Signage che già ha testato il valore dell’APP attraverso i propri clienti Living Shelf che possono usare la soluzione per portare il proprio catalogo digitale di Farmacia anche sull’APP.

 

Sei una realtà del settore e vuoi farci conoscere la tua iniziativa di solidarietà? Scrivi a redazione@pharmaretail.it. Saremo felici di raccontarla!

(Visited 198 times, 1 visits today)