Il Barometro di Ottobre: si amplia la forbice tra volumi e valori in farmacia, è l’impatto dell’aumento dei prezzi

Dati aggiornati al: 31 Ottobre 2022

Il Barometro di Ottobre: si amplia la forbice tra volumi e valori in farmacia, è l’impatto dell’aumento dei prezzi

Il mese di settembre aveva dato le prime avvisaglie di un rallentamento della crescita del canale farmacia e le rilevazioni del Barometro mensile di New Line Ricerche di Mercato sul dato di ottobre confermano questa tendenza.

I trend mensili globali rispetto al 2021 sono infatti flat a fatturato ma negativi a confezioni (-1,3%), certificando l’esaurirsi di una dinamica espansiva del canale che durava dall’inizio dell’anno. Inoltre la forbice tra volumi e valori (quasi 1.3 punti) si amplia ulteriormente se escludiamo la componente legata ai test Covid erogati in farmacia, con trend che passano a +1,3% a fatturato e -0,4% a confezioni e che quindi confermano l’impatto dell’aumento dei prezzi in farmacia.

 Nel confronto con ottobre 2019 i differenziali globali sono in crescita a fatturato (+1,3%) ma negativi a confezioni (-2,2%); inoltre, la differenza tra i trend delle due dimensioni si allarga ulteriormente, raggiungendo i 3.5 p.ti. Il dato a progressivo continua invece ad essere influenzato dalla spinta dei mesi precedenti e mantiene trend positivi rispetto all’anno precedente ma anche nel confronto con il 2019 (+3,8% a fatturato e +1,4% a confezioni).

(Visited 187 times, 1 visits today)

ANALISI DEGLI INGRESSI

Se il trend negativo dei volumi può essere indice di una riduzione della domanda verso il canale, i dati degli ingressi confermano ulteriormente questa chiave di lettura con un differenziale in lieve diminuzione rispetto a ottobre 2021 sia sul totale del mese (-0,3%) sia per singola giornata lavorativa (-0,6%). Rispetto all’anno scorso, osserviamo uno scontrino più scarico in termini di pezzi (-0,7%) ma dal valore in crescita (+0,9%), ulteriore effetto dell’inflazione sui consumi.

(Visited 187 times, 1 visits today)

La contrazione nei consumi influenza entrambe le componenti Etica e Commerciale ma con diversi impatti. Il farmaco su prescrizione riporta infatti trend sostanzialmente flat a fatturato (-0,2%) ma negativi a confezioni (-0,9%). Il delta tra le due dinamiche dell’Etico è in linea con quello che abbiamo osservato nei mesi precedenti, mentre la forbice tra le dinamiche a volumi e valori della libera vendita, in cui è inclusa l’erogazione di tamponi in farmacia, continua a rimanere più accentuata, evidenziando un fatturato sostanzialmente flat (+0,3%) a fronte però una forte flessione a confezioni (-1,8%).

(Visited 187 times, 1 visits today)

L’ANDAMENTO DEL FARMACO

A determinare il rallentamento dell’Etico è principalmente il farmaco Branded, che pesa per circa il 79,1% del totale dei farmaci su ricetta e restituisce trend negativi sia a fatturato (-1,1%) sia a confezioni (-1,8%). La componente GX (generico non branded) riporta invece differenziali positivi sia a fatturato (+3,8%) sia a confezioni (+1,5%) ma non riesce a invertire la dinamica complessiva del comparto.

(Visited 187 times, 1 visits today)

L’ANDAMENTO DEL COMMERCIALE

I risultati della libera vendita sono sostenuti principalmente dalle performance dell’Automedicazione, che pesa per più del 60% del totale del comparto e cresce in maniera significativa rispetto a ottobre 2021 sia a fatturato (+6,3%) sia a confezioni (+3,4%). A questi risultati ha contribuito sicuramente l’inizio della stagione influenzale: il monitoraggio Influnet, ripartito dalla metà di ottobre, evidenzia una diffusione di sindromi simil-influenzali e di virus respiratori più alta rispetto alle due precedenti stagioni influenzali e con un’incidenza maggiore tra la popolazione al di sotto dei 5 anni.

La Dermocosmetica, che contribuisce per il 15% al giro d’affari del comparto, registra trend positivi a fatturato (+3,1%) ma negativi a confezioni (-1,1%). La forbice tra le dinamiche di volumi e valori è in aumento in modo generalizzato in farmacia ma è particolarmente accentuata negli ambiti più commerciali, in cui la domanda è meno influenzata dal bisogno di cura.

Continua rispetto ai mesi precedenti la flessione dell’area dei Sanitari (che comprende mascherine e tamponi per autotest), che registra infatti una forte flessione a fatturato (-6,1%) a cui corrisponde un trend a confezioni di -2,4%.

La Veterinaria mostra trend positivi a fatturato (+4,2%) ma negativi a confezioni (-4,1%).

Trend positivi a fatturato (+2,7%) ma negativi a confezioni (-3,6%) per Il mercato degli Alimenti e Dietetici.

Infine, il mercato dell’Omeopatia chiude anche questo mese con un differenziale negativo in doppia cifra sia a fatturato (-12,7%) sia a confezioni (-18,5%).

(Visited 187 times, 1 visits today)
LA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti per non perderti gli ultimi dati del mercato della farmacia