Farmaci e cosmetici, le nuove abitudini di acquisto

Farmaci e cosmetici, le nuove abitudini di acquisto

Sebbene le farmacie siano state tra le poche attività al dettaglio rimaste sempre aperte in periodo pandemico, anche le modalità e le abitudini di acquisto di farmaci e dermocosmetici sono cambiate negli ultimi due anni. Lo dimostrano due survey che, analizzando lo shopping online e il mondo delle consegne rapide a domicilio, hanno evidenziato come il mondo del farmaco sia entrato tra i primi posti tra le categorie di prodotti acquistati attraverso queste nuove modalità.

Convenienza e comodità

Secondo una survey condotta da Human Highway, commissionata da Clearpay, sullo shopping online la categoria dei farmaci è al terzo posto tra quelli acquistati online.

La ricerca mostra che quasi la metà (45,5%) del campione negli ultimi tre mesi ha effettuato un acquisto online tra capi di abbigliamento (45,5%), libri cartacei (39,6%), farmaci (38,1%) e cosmetici (32,3%). Secondo i dati della ricerca uomini e donne comprano capi di abbigliamento circa in egual misura (43.9% per gli uomini e 47% per le donne); lo shopping online di libri cartacei (42,6%) e di attrezzatura e abbigliamento sportivo (25,5%) è più in voga tra gli uomini, mentre le donne sono più orientate verso cosmetici e prodotti di bellezza (44,5%). Per quanto riguarda le fasce d’età, la ricerca mostra come gli acquisti di capi di abbigliamento (64,4%) e di libri cartacei (64,5%) siano maggiori tra gli under 25. Viceversa, farmaci e prodotti per la salute (49,2%) vengono comprati più frequentemente dagli over 55. La variabile che orienta le scelte dei consumatori è il prezzo per quasi 7 italiani su 10 in ogni categoria di prodotto, in particolare per i capi d’abbigliamento, seguiti dall’arredamento e accessori per la casa. Nello specifico, le donne prendono in considerazione il prezzo soprattutto per abbigliamento (84%) e cosmetici (71%), mentre per gli uomini è un aspetto importante nell’acquisto di attrezzatura e abbigliamento sportivo (72%). Per i giovanissimi, che pure non sono tra i maggiori acquirenti di farmaci e prodotti per la salute, il prezzo diventa una variabile rilevante quando essi si trovano a dover comprare questo genere di prodotti (69% tra gli under 25).

Anche il panorama delle consegne rapide a domicilio sta riscontrando un significativo incremento delle richieste legate al mondo del farmaco, secondo i dati diffusi PonyU, azienda italiana che si occupa di logistica urbana dell’ultimo miglio. C’è infatti, un forte aumento delle richieste di consegne legate alla consegna di farmaci: paragonando i dati di gennaio 2022 con quelli di gennaio 2021, si nota che le richieste di consegna a domicilio sono aumentate, in tutta Italia, del 107%.

Il vantaggio che spinge i consumatori a utilizzare questo servizio è la praticità di ordinare online, attendendo una consegna rapida direttamente a casa. La tendenza, nata dalla necessità di evitare le lunghe code in farmacia o per rispettare l’auto-isolamento, vede ora non solo un consolidamento, ma anzi una crescita ulteriore, si sta cioè trasformando da servizio da utilizzare in casi di urgenza, a nuova esperienza di acquisto abituale. Secondo i dati di PonyU, il 76% delle richieste di consegna a domicilio di farmaci sono comprese in un raggio di 3km di distanza dalla farmacia di riferimento, la tratta viene quindi percorsa dal corriere mediamente in venti minuti. Il consumatore finale vive quindi la comodità di rivolgersi alla farmacia di fiducia, con il plus di ricevere la merce direttamente a casa, in modo sicuro.

(Visited 297 times, 1 visits today)
LA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti per non perderti gli ultimi dati del mercato della farmacia