Un anno in farmacia: il picco di influenza dell’ultimo trimestre non risolleva le vendite a confezioni, critiche per tutto il 2023

Dati aggiornati al: 31 Dicembre 2023

Un anno in farmacia: il picco di influenza dell’ultimo trimestre non risolleva le vendite a confezioni, critiche per tutto il 2023

Il canale farmacia chiude il 2023 con un trend globale piatto a fatturato (-0,4%) ma con un’importante contrazione delle confezioni (-5,5%). Sono i dati che emergono dal consuntivo dell’ultimo trimestre di New Line Ricerche di Mercato e che non si discostano dall’ultimo rilevamento che evidenziava, nei primi nove mesi dell’anno, un delta di -0,2% a fatturato e -5,9% a confezioni.

Il trimestre ottobre-dicembre non è quindi riuscito ad incidere positivamente sulle dinamiche del 2023. E la ragione principale è da ascrivere all’andamento della stagione influenzale, che si è sviluppata in modo molto diverso rispetto al 2022. Lo scorso anno, in controtendenza con le dinamiche abituali del periodo, avevamo assistito a un’esplosione di casi già dalla metà di novembre, con alcune settimane di picco tra la fine del mese e l’inizio di dicembre seguite da una graduale riduzione dell’incidenza, che era però rimasta sopra i livelli di guardia fino alla metà di gennaio.

Quest’anno il rapporto RespiVirnet ha invece evidenziato una partenza più a rilento della stagione, con una cuspide raggiunta nel periodo natalizio seguita da un altrettanto brusco declino. Dal rapporto del Ministero emerge inoltre che, tra la fine di novembre e l’inizio di dicembre, è avvenuta anche una ripresa dei contagi Covid, che è però rimasta sempre molto lontana dai livelli pandemici ed è andata gradualmente riducendosi nelle settimane successive. Sono quindi le sindromi influenzali le maggiori responsabili del picco di contagi osservato nel periodo natalizio. L’asincronia dei cicli influenzali, tradizionalmente grande volano degli ingressi e delle vendite del canale nell’ultima parte dell’anno, ha quindi inciso negativamente sia sul mondo RX, che riporta nell’ultimo trimestre -0,7% a fatturato e -2,7% a confezioni, sia sul segmento dell’Automedicazione, che ha differenziali flat a fatturato ma negativi a confezioni (-4,6%).

Aggiungiamo alcune considerazioni anche sulle dinamiche inflattive che hanno avuto un grande impatto sul canale, soprattutto della prima parte del 2023. Come possiamo osservare dai dati riportati dal Monitor Inflazione di New Line Ricerche di Mercato che ha seguito l’andamento dei prezzi nel canale nel corso dell’anno, dall’inizio dell’estate, ultimo grande momento di crescita dei prezzi, gli indici inflattivi della farmacia sono ormai sostanzialmente flat, in linea con l’andamento generale dell’economia rilevato dall’Istat. Anche se la situazione geopolitica continua ad essere fortemente incerta, l’ondata inflattiva che accompagnava il canale dalla fine del 2022 sembra dunque avere finalmente rallentato, ma è vero anche che i prezzi si sono stabilmente assestati su livelli nettamente più alti rispetto agli ultimi anni e questo aumento ha un impatto rilevante nelle scelte d’acquisto del consumatore.

(Visited 333 times, 3 visits today)

 

 

I risultati globali sono il frutto dell’interazione dei due assi principali, Etico e Commerciale. Il Farmaco Etico, che ha un peso intorno al 55% sul giro d’affari del canale, nonostante la flessione dell’ultimo trimestre registra trend positivi a valori (+1,4%) e leggermente flat a volumi (-0,8%), mentre a incidere sul risultato globale è soprattutto la Libera Vendita, che pesa circa per il 45% del totale e chiude l’anno con differenziali negativi sia a fatturato (-2,5%) sia soprattutto a confezioni (-11,6%).

(Visited 333 times, 3 visits today)

ETICO

I numeri del farmaco Branded (circa il 78,3% del totale dei farmaci su ricetta) sono flat a fatturato (+0,3%) ma negativi a confezioni (-1,8%) ma è la componente GX a riportare i trend migliori, con un delta a fatturato di +5,4% e uno a confezioni di +1,8%.

(Visited 333 times, 3 visits today)

COMMERCIALE

Nel mondo Out of Prescription continua la flessione dei Sanitari, in parte compensata dalla crescita di Automedicazione, Dermocosmetica e Veterinaria.

L’Automedicazione, che rappresenta circa il 61% del totale comparto, mette a segno trend positivi a fatturato (+4,5%) ma flat a confezioni (-0,1%). Si tratta di una flessione dei volumi rispetto ai primi nove mesi dell’anno, che chiudevano a +1,7%, dovuta evidentemente alla peculiare stagione influenzale 2023.

La Dermocosmetica conferma invece la crescita e chiude l’anno con differenziali decisamente positivi sia a fatturato (+7,5%) sia a confezioni (+4,3%).

La Veterinaria riporta trend decisamente positivi a fatturato (+10,4%) mentre la dinamica dei volumi è positiva ma con una magnitudine decisamente minore (+2%)

I trend a consuntivo per gli Alimenti e Dietetici sono positivi a fatturato (+4,7%) ma negativi a confezioni
(-2,3%), mentre l’Omeopatia conferma i differenziali negativi osservati nel corso dell’anno, chiudendo a consuntivo con -5,6% a fatturato e -10,9% a confezioni.

(Visited 333 times, 3 visits today)
LA NOSTRA NEWSLETTER

  Iscriviti per non perderti i dati più aggiornati del mercato della farmacia