Tre tendenze da tenere d’occhio per organizzare una farmacia sempre più digitale

Tre tendenze da tenere d’occhio per organizzare una farmacia sempre più digitale

Le farmacie sono destinate a diventare sempre più digitalizzate per rispondere alle aspettative dei clienti, diventando luoghi fluidi dove vivere l’interazione tra l’esperienza fisica e quella digitale.

Fortunatamente, in questo momento, la fase di transizione digitale è sostenuta dalle risorse del PNRR che contribuiranno ad accelerare il processo di trasformazione digitale.

E la farmacia non può arrivare impreparata a questo appuntamento.

Ma muoversi nel veloce mondo della tecnologia non è per niente facile. Ecco perché oggi vogliamo condividere con voi tre nuove tendenze che possono ispirarvi e aiutarvi a organizzare una farmacia sempre più digitale.

  1. Sensori intelligenti e analisi in store

Gli spazi commerciali e le farmacie possono oggi sfruttare agilmente tecnologie basate sul digitale e sull’intelligenza artificiale che solo qualche anno fa sembravano irraggiungibili. Ad esempio, l’uso di sensori intelligenti e software di analisi permette di misurare il comportamento delle persone che si muovono e compiono scelte all’interno degli spazi fisici.

Il tracciamento della pedonabilità, pur nel rispetto della privacy, è in grado di rilevare flussi di persone che entrano in farmacia, ne decifrano specificità come età, gender e tempo di permanenza. Possiamo ad esempio scoprire quante persone con bambini entrano nella nostra farmacia, oppure quante sono quelle che sono entrate con un cane o ancora quanti anziani si avvicinano a un determinato scaffale sul quale sono posti prodotti particolari.

Per le farmacie con metratura ampia, la collocazione strategica di questi sensori permette di produrre metriche utilissime a stabilire le aree di concentrazione e sosta più “hot”.

Tutte queste informazioni possono essere poi sintetizzate in un quadro di controllo, una dashboard facile da interpretare grazie a un interfaccia intuitiva dalla quale si percepiscono immediatamente i principali parametri come: quantità e tipologia di persone che passano davanti alla vetrina, numero di persone all’interno della farmacia in un determinato arco temporale, suddivisione in percentuale uomini-donne per fasce di età, numero di volti esposti davanti ad un determinato scaffale o tempo medio di esposizione all’area d’interesse.

Tutti questi dati, che rimangono di proprietà esclusiva della farmacia, permettono una volta   lavorati e reinterpretati anche con l’aiuto di un consulente digitale, di diventare dei grandi alleati per migliorare i risultati dell’attività, ottimizzare le risorse e il lavoro del farmacista lungimirante che vuole cogliere le opportunità della farmacia nell’era della transizione digitale.

  1. Dati e connettività

Con il 5G ormai decollato e il 6G in fase di sviluppo, il mondo è destinato a diventare ancora più dipendente dalla connessione digitale. La nuova rete wireless e la tecnologia satellitare promettono velocità sovralimentate, migliore larghezza di banda e alta velocità di connessione. Su queste reti transiteranno i dati di servizi di automazione avanzati, città intelligenti e sofisticate tecnologie indossabili per migliorare la salute delle persone. E mentre i gigabyte si trasformano in exabyte, la scia di dati creata dalle azioni online e offline delle persone che si recano a fare acquisti offre alle attività commerciali, e alle farmacie, informazioni sempre più dettagliate sulla vita di individui e sulla società.

Servizi un tempo inimmaginabili sono ora una realtà come, ad esempio, il miglioramento della diagnosi e dei trattamenti sanitari con una personalizzazione sempre più mirata e guidata dai dati. Anche le preoccupazioni relative alla privacy, alla proprietà delle informazioni personali, alla criminalità informatica e alla guerra cybernetica sono sempre più all’ordine del giorno. Man mano che le nuove tecnologie saranno in grado di raccogliere nuovi tipi di dati, i dibattiti si intensificheranno. Nel prossimo decennio, ci si concentrerà sempre di più sulla trasparenza dei dati e sul concetto di fiducia digitale. Temi che costituiranno un perimetro centrale nelle organizzazioni sanitarie del futuro e per le attività commerciali più in generale, quindi anche per la farmacia. Attenzione quindi all’efficientamento della propria connettività: teleconsulti e diagnostica da remoto hanno bisogno di una connessione stabile, fluida e sicura!

  1. Oltre le parole

Questo trend digitale si basa su un fatto incontrovertibile: le persone trascorrono più tempo in spazi di realtà mista digitale e fisica rispetto a quello che facevano solo tre anni fa. E questo sta portando a un’esplosione di nuovi modi per dare informazioni ed esprimere emozioni, come emoji, meme, filtri AR, Instagram stories, video o altre forme di comunicazione.

L’implicazione per le farmacie? Dobbiamo ripensare ai contenuti che generiamo e andare oltre le parole per trasmettere ai pazienti/clienti informazioni rilevanti che parlano una lingua contemporanea più vicina ai nuovi modi di comunicare. Utilizzare un linguaggio in sintonia con il digitale è importante, altrimenti si rischia con il tempo di allontanarsi dalle persone.

Quando si comunica online o sui social, le emoji, i filtri AR, i brevi video sono l’ideale, in particolare tra le generazioni più giovani, perché consentono di esprimere sentimenti complessi in un linguaggio attuale ed in evoluzione. La potente combinazione di realtà aumentata, realtà virtuale e nuove consuetudini sociali (guardare concerti e partite nel Metaverso, per esempio) amplierà le possibilità di espressione personale in un mondo di realtà mista.

Ci sono molte opportunità per le farmacie e per gli attori del mercato sanitario: costruire empatia e sensibilizzare sui fattori legati di salute, semplificare informazioni complesse, aiutare le persone a comprendere meglio i rischi per la salute. Preparatevi a creare informazioni che vadano oltre le parole!

(Visited 362 times, 1 visits today)
LA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti per non perderti gli ultimi dati del mercato della farmacia

AUTORI


Giorgio Cannistrà

Direttore commerciale di New Line DS. Dal 2007 ha svolto per le maggiori aziende del settore ruoli commerciali e di sviluppo del punto vendita farmacia. Dal 2016 in New Line DS segue la digitalizzazione della comunicazione e le soluzioni di customer experience. Appassionato di enigmistica cerca e trova soluzioni.

Linkedin


Federico Attore

Formatore e consulente di comunicazione, esperto di personal branding. Appassionato dell’innovazione nella comunicazione digitale, passione per cui interviene a seminari, corsi e svolge coaching personalizzati. Crede nel valore delle soft skill come elemento strategico per indirizzare positivamente il cambiamento in corso.

Linkedin

Twitter