Estate, il 25% degli italiani lamentano disturbi alle gambe. I trattamenti e device da consigliare in farmacia  

Estate, il 25% degli italiani lamentano disturbi alle gambe. I trattamenti e device da consigliare in farmacia  

Gambe “pensanti”, afflitte da formicolii e bruciori che peggiorano la sera e se si sta a lungo in piedi. Sono i sintomi inconfondibili di un’insufficienza o di un’altra patologia venosa delle gambe (varici, gonfiori e forme miste), che rappresentano il tormentone estivo per un numero considerevole di persone (si stima il 25% della popolazione italiana), in prevalenza donne. «Si tratta di una serie di disturbi spesso “di genere”, perché anche le variazioni ormonali tipiche della fisiologia femminile, oltre al caldo, tendono a dilatare e a rilassare le pareti venose, rendendo più difficoltosa la risalita del sangue venoso verso l’alto», spiega a Pharmaretail Corinna Rigoni, presidente Donne Dermatologhe Italia. Le donne sono anche più inclini ad altri disturbi, e ai relativi inestetismi, delle gambe, come le teleangecatasie, con i tipici capillari violacei visibili a fior di pelle, e la cellulite, che ha una concausa proprio nella cattiva circolazione venosa e linfatica e che anch’essa peggiora per via della calura, che aumenta la quantità dei liquidi intrappolati nei tessuti. È a questa foltissima platea di donne (e di uomini), che in questa stagione spesso si rivolge al farmacista solo per acquistare un gel antiedemigeno e vasoprotettore, che si possono consigliare dei dermocosmetici complementari per le gambe. Tra l’altro, dopo le forti flessioni registrate nel 2020 per effetto della pandemia, anche per le creme e le altre formule corpo ora si segnalano performance molto positive. Secondo le ultime rilevazioni settimanali di New Line Ricerche di Mercato, i trattamenti corpo in farmacia sono in crescita del +2,6% rispetto al 2020.

I dermocosmetici e i device per le gambe: gli “unisex”

Ma quali categorie di prodotti consigliare nello specifico? Per la persona che soffre di gonfiori agli arti inferiori e di capillari in evidenza valgono le classiche emulsioni o gel defaticanti con estratti vegetali vasoprotettori e drenanti, come rusco, escina, meliloto, centella asiatica, mirtillo. «Questi prodotti, però, hanno un inconveniente: tendono a seccare molto la pelle. Al cliente si può quindi proporre in abbinamento una crema corpo idratante e nutriente, da miscelare al gel defaticante durante l’applicazione. Inoltre, si possono suggerire degli integratori alimentari, da assumere per tutta l’estate, ad esempio a  base di vitamina C  e di  flavonoidi, come diosmina, rutina, esperidina, quercitrina», suggerisce Rigoni. Un altro valido prodotto complementare è l’acqua termale, da spruzzare più volte al giorno sulle gambe, oppure un’emulsione con principi attivi dall’effetto refrigerante istantaneo come il mentil-lattato, utile anche da portare in viaggio. «Soprattutto ai clienti più inclini all’acquisto dei device, si possono proporre gli speciali apparecchi che offrono un massaggio plantare idroterapico e/o a vibrazione, con o senza acqua», consiglia la dottoressa Rigoni.

Specifico per “lei”

Per la cliente donna, il ventaglio di prodotti per le gambe è ancora più articolato. Un classico sono i dermocosmetici anticellulite di nuova generazione, forti di blend di principi attivi, come amamelide, ginseng, caffeina, spirulina, carnitina, che agiscono anche sul drenaggio dei liquidi e sull’elasticità della pelle. «Alla cliente si possono suggerire anche dei kit “a tempo”: dei patch anticellulite da applicare la notte per “cure urto” di un paio di settimane, insieme a creme o gel per i trattamenti quotidiani successivi. Per chi è in partenza per le vacanze si possono proporre i doposole con formule che includono anche ingredienti drenanti e “rimodellanti”, ricordando loro che, per sortire risultati apprezzabili, gli anticellulite vanno applicati per mesi, possibilmente senza interruzioni», dice la dermatologa Corinna Rigoni. Anche in tandem agli anticellulite si possono consigliare dei supplementi alimentari mirati, per esempio con estratti di gambo d’ananas, centella asiatica, ginkgo biloba. Alle donne in dolce attesa si possono suggerire le creme antismagliature, da applicare, oltre che sul décolleté e sull’addome, anche sulle cosce.

I kit per la pedicure estiva

Anche i prodotti per la pedicure si prestano egregiamente al cross selling con i drenanti, i defatiganti delle gambe e gli anticellulite. Un classico sono i pediluvi rinfrescanti e leviganti, a base per esempio di oli essenziali, amido di riso, urea, da associare alle creme e agli scrub per i talloni screpolati. «In più si possono consigliare dei gommage delicati (vanno bene anche quelli per il viso), da utilizzare sul dorso del piede, soprattutto se la pelle è già abbronzata, insieme a delle creme molto nutrienti», conclude l’esperta.

(Visited 183 times, 1 visits today)
LA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti per non perderti gli ultimi dati del mercato della farmacia

AUTORI

Autrice di testi specialistici e giornalista esperta di salute e cosmesi. Collabora da diversi anni con quotidiani e periodici a diffusione nazionale – attualmente per D La Repubblica, Starbene, F, Grazia e Natural Style – per argomenti di benessere, alimentazione, bellezza e dermocosmesi, fitness psicologia e ambiente.