Packaging sostenibile, cresce l’impegno delle aziende

Packaging sostenibile, cresce l’impegno delle aziende

Il packaging sostenibile è un imballaggio concepito in modo da creare il minor impatto ambientale possibile e che al contempo svolge al meglio le sue funzioni di protezione e informazione. Sono sempre di più le realtà, di tutte le dimensioni, che vogliono limitare il loro impatto sull’ambiente e di conseguenza comunicare poi questo impegno anche ai propri clienti. Un packaging sostenibile è sempre da considerarsi un valore aggiunto per un’azienda.

Dalla progettazione alla logistica, anche dell’e-commerce

Parlare di imballaggi sostenibili significa affrontare un tema ampio, che tocca diversi comparti, dalla progettazione alla logistica al riciclo finale. L’imballaggio è sostenibile quando il consumatore è messo in grado di effettuare una corretta raccolta differenziata senza difficoltà e incertezze; questo grazie ad una progettazione attenta alla riciclabilità del packaging.

A contribuire all’aumento del numero di imballaggi circolanti è stato l’e-commerce: secondo quanto stimato da Osservatori.net del Politecnico di Milano ogni giorno in Italia circola oltre un milione di pacchi dovuti al solo commercio elettronico, un significativo flusso di imballaggi che può rivelarsi una opportunità per l’industria del riciclo. Nel 2020, in Italia, sono state circa 369.700 le tonnellate di imballaggi utilizzati per le spedizioni dei beni oggetto di compravendite online.

Tra i settori maggiormente impegnati nel cambiare gli imballaggi dei propri prodotti c’è quello cosmetico. Tra i trend più diffusi ritroviamo shampoo e creme allo stato solido che si confezionano in cartoncino, spesso fatto di fibre riciclate o provenienti da foreste gestite in modo sostenibile. Anche la logistica riporta benefici evidenti quando gli interventi di ecodesign consentono il risparmio di materia prima: un imballaggio primario o secondario alleggerito e ridotto nelle dimensioni consente il trasporto di un maggior quantitativo di prodotto su un pallet standard.

Nel recente documento di Netcomm “Logistica e Packaging sostenibili per l’e-commerce 2021” viene riportata una ricerca condotta da Nielsen (2020), secondo la quale i consumatori sono sempre più attenti alle loro scelte: l’85% degli italiani afferma di orientarsi verso marche e prodotti rispettosi dell’ambiente, anche se questo significa spendere un po’ di più; il 75% di essi è disposto a pagare di più un prodotto solo perché è sostenibile dal punto di vista ambientale, o perché lo è la sua confezione. Va da sé che le aziende che riducono il loro impatto ambientale e optano per uno sviluppo sostenibile sono sempre più apprezzate. Per tutte le principali categorie di imballaggi esiste un’alternativa sostenibile come, per esempio, il nastro in carta gommata, le patatine flo-pak e i sacchetti fabbricati a base di umido di mais biodegradabile e compostabile; le buste in carta; i riempitivi in carta riciclata; i pallet in legno pressato realizzati con una mescola di particelle di legno riciclato e resine sintetiche.

Da ricordare, infine, che l’Istituto Italiano Imballaggi, network associativo per la supply chain del packaging, ha creato la “Carta etica del packaging”, una dichiarazione di intenti che raccoglie principi condivisi per progettare, produrre e utilizzare gli imballaggi in maniera consapevole. La Carta vuole essere uno strumento di riflessione e di impegno, attorno al quale convergere, un documento di principi da condividere per accompagnare il packaging verso un futuro più consapevole. La Carta vede coinvolti progettisti, produttori, trasformatori, esperti del settore, consumatori, utilizzatori e tutti coloro che sceglieranno di aderire a questo progetto. I sostenitori si impegnano a operare in coerenza con i dieci principi del packaging, secondo i quali l’imballaggio deve essere: responsabile, equilibrato, sicuro, accessibile, trasparente, informativo, contemporaneo, lungimirante, educativo, sostenibile. Per seguire i dieci punti della Carta etica è fondamentale partire dalla scelta dei materiali di imballo, che devono essere facili da riciclare.

(Visited 278 times, 1 visits today)
LA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti per non perderti gli ultimi dati del mercato della farmacia