Non aumentano i prezzi in farmacia, ma nell’area Sop&Otc l’impennata c’è già stata

Dati aggiornati al: 30 Settembre 2023

Non aumentano i prezzi in farmacia, ma nell’area Sop&Otc l’impennata c’è già stata

Non ci sono grandi variazioni rilevate dall’Istat nell’indice di inflazione generale per il mese di settembre che si assesta a 120,3 con un aumento di +0.2 punti rispetto ad agosto e di +5.3 rispetto all’anno precedente.

Le stime preliminari per ottobre (ultimi dati disponibili) anticipano un’ulteriore decelerazione del tasso di inflazione, che viene proiettato ad un valore di 120,2 con un differenziale di -0,1% rispetto al mese precedente.

Ma in questa situazione apparentemente stazionaria si nasconde una grande incertezza per gli effetti della crisi in Medio Oriente, la cui durata e l’effetto sull’aumento dei prezzi è ancora difficilmente prevedibile.

Il mondo della farmacia continua per ora a essere allineato alla dinamica inflattiva generale. L’indice dei prezzi di settembre, rilevato dal Monitor Inflazione di New Line Ricerche di Mercato, registra ancora una situazione sostanzialmente stazionaria, con un indice di 113,5, in crescita di +0.1% rispetto al mese precedente e di +4% rispetto al 2022.

(Visited 153 times, 1 visits today)

L’andamento della farmacia

Ed è stabile anche a settembre l’andamento delle componenti principali del comparto commerciale: nell’area dell’Automedicazione gli indici di SOP&OTC e Integratori rimangono invariati rispetto al mese precedente e anche i prezzi della Dermocosmesi, dopo i lievi aumenti dei mesi precedenti, si attestano sullo stesso valore di 104,8 osservato a luglio.

(Visited 153 times, 1 visits today)

Focus SOP & OTC

Le dinamiche fatturato e confezioni della parte SOP&OTC del mondo Automedicazione hanno un andamento speculare in tutto il 2023. Anche la forbice tra i due trend rimane stabile ma è quella più ampia rispetto ad altre aree e raggiunge anche sette punti a marzo e nel bimestre giugno/luglio 2023. È una dinamica che spicca ma che non sorprende: il mondo dei farmaci di cura era stato infatti tra i primi ad aumentare i prezzi in base all’inflazione a fine anno 2022 e l’indice dei prezzi del comparto è rimasto tra i più alti anche nel 2023.

(Visited 153 times, 1 visits today)

Focus Dermocosmesi

Rimangono in territorio positivo anche in settembre i differenziali del comparto Dermocosmesi, che chiude il mese con +4,1% a fatturato e +1,8% a confezioni. Rispetto ad agosto crolla il differenziale a valori mentre rimane stabile quello a confezioni: poiché l’indice dei prezzi non si è mosso rispetto ad agosto la diversa dinamica può essere imputabile a un cambio di composizione del paniere, con la progressiva uscita di stagione dei segmenti più tipicamente estivi.

La forbice tra le due dinamiche (fatturato-confezioni) continua ad assottigliarsi e passa dai +3.1 punti di agosto a +2.3 punti a settembre.

(Visited 153 times, 1 visits today)

 

 

 

Note metodologiche: Gli indici di prezzo per il canale Farmacia sono costruiti a partire dal set di prodotti dell’area Commerciale che ha registrato vendite in maniera continuativa dal 2015 al 2022, in modo da lavorare su un basket costante di prodotti. I prezzi utilizzati sono i prezzi al pubblico e l’anno utilizzato come base per il calcolo degli indici è il 2015, per uniformità con l’approccio ISTAT.

(Visited 153 times, 1 visits today)

 

 

(Visited 153 times, 1 visits today)