Come affrontare il futuro post Covid19, l’analisi di Deloitte

Come affrontare il futuro post Covid19, l’analisi di Deloitte

È ormai noto che l’avvento di Covid-19 e le sue conseguenze abbiano accelerato svariate dinamiche sociali, economiche e ambientali: ma quali comportamenti assumeranno i consumatori nel mondo post-Covid, come reagiranno le aziende agli shock subiti e ai cambiamenti in atto nella domanda?

Alcuni di questi cambiamenti sono diventati parte integrante di una rinnovata quotidianità destinata a durare: nuovi modelli di acquisto e consumo, l’adozione di tecnologie a supporto di servizi innovativi, così come a una crescente e concreta attenzione a temi di natura ambientale e sociale. Deloitte ha condotto uno studio dal titolo “Connect for future”, con l’obiettivo di tracciare le direttrici del cambiamento, comprenderne la natura e le implicazioni tanto per le aziende quanto per i cittadini, così come analizzare le opportunità rappresentate dal piano Next Generation EU.

Digitalizzazione e sostenibilità

I nuovi paradigmi sociali ed economici che si sono affermati a seguito della pandemia descrivono un mondo e un modello di vita caratterizzato da una digitalizzazione sempre più pervasiva e da una crescente sensibilità verso temi di sostenibilità ambientale. Cambiamenti sono comuni a tutte le generazioni e destinati a durare nel tempo: infatti, oltre il 60% dei cittadini italiani non abbandonerà mai più l’utilizzo di app e servizi online, così come un modo di vivere e consumare più equo e sostenibile. Le rinnovate esigenze dei cittadini indicano, dunque, nuove traiettorie di sviluppo per imprese e istituzioni, in cui il digitale, l’innovazione e l’uso consapevole delle risorse sono i principali pilastri su cui fondare l’Italia del domani.

Il 2022 è l’anno della ripresa e del rilancio secondo 3 organizzazioni su 4 e 2 consumatori su 3. Per il rilancio, consumatori e aziende esprimono preferenze convergenti nell’attribuire fondamentale importanza alla digitalizzazione, ritenuta prioritaria da oltre 3 rispondenti su 5. Stessa corrispondenza per la sostenibilità, per oltre 2 intervistati su 5.

Lo strumento, ideato dall’Ue a favore degli Stati Membri, da cui ripartire è il Ngeu. L’Italia, così come gli altri Paesi, ha presentato il proprio Pnrr, fatto di investimenti e riforme in ambito economico e sociale. Il Ngeu è un mezzo fondamentale per sostenere lo sviluppo post-pandemico dell’Italia secondo 9 aziende e 9 cittadini su 10. Un’azienda intervistata su 2 è in attesa delle linee guida definitive per cogliere le opportunità del Ngeu mentre 1 su 3 si è già attivata per farlo.

Digitalizzazione e innovazione non devono essere fini a se stesse ma devono rispondere alle reali esigenze delle persone, ponendo l’uomo al centro di questi processi. Solo il 26% degli italiani è soddisfatto del livello di digitalizzazione e innovazione del proprio Paese, contro una media europea del 39%. Entro i prossimi 12 mesi, più di 8 aziende su 10 investiranno in digitalizzazione e innovazione al fine di migliorare la propria bottom line, dato più evidente per le organizzazioni che si stanno già preparando al futuro post-pandemia.

Sebbene le istituzioni svolgano un ruolo determinante nella transizione digitale del Paese, è imprescindibile la collaborazione con tutti gli stakeholder, scuole e università in primis (52%), aziende (37%) e singoli cittadini (31%), trend confermato anche a livello europeo. Una pubblica amministrazione più efficiente e digitalizzata è un desiderio espresso da oltre la metà di aziende e cittadini intervistati.

Dall’altra parte, il tema della sostenibilità non si deve esaurire a livello puramente di immagine e limitarsi al semplice conseguimento di certificazioni, ma tradursi in un cambiamento culturale che coinvolga tutti gli stakeholder e che influenzi le strategie delle imprese. Per un’economia più verde e sostenibile, tutti gli attori del Sistema Paese – non solo i singoli cittadini, ma anche le aziende e le istituzioni – sono chiamati a rivedere i propri programmi e adeguare la propria organizzazione.

Quasi 1 cittadino su 3 pensa che le azioni di sostenibilità messe in campo dalle aziende possano essere migliorate dal punto di vista dell’impatto ambientale. Più di 1 cittadino su 4 indica le aziende come altro soggetto responsabile della sensibilizzazione in ambito di transizione ecologica. La netta maggioranza degli italiani dichiara di voler vivere e consumare in modo più equo e sostenibile (60%) e prevede di investire nell’efficientamento energetico della propria abitazione (59%). La tendenza nazionale appare maggiormente marcata rispetto alla media europea (rispettivamente 44% e 39%). Quasi un terzo dei cittadini, sia in Italia che nel resto d’Europa, pensa che il tessuto imprenditoriale possa mettere in campo iniziative migliorabili in termini di impatto ambientale.

(Visited 117 times, 1 visits today)
LA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti per non perderti gli ultimi dati del mercato della farmacia