Il Vademecum sulla vendita on-line dei farmaci 2023

Il Vademecum sulla vendita on-line dei farmaci 2023

La possibilità di vendere on line medicinali senza ricetta medica è stata introdotta nel nostro Paese con il Decreto legislativo n. 17 del 2014, in attuazione della normativa europea. «La vendita on line è pur sempre un’opportunità per le farmacie, che possono farsi conoscere sul web e ampliare il proprio business, e per i cittadini, che possono confrontare i prezzi e ricevere i medicinali o gli altri prodotti sanitari di cui hanno bisogno a casa propria o in ufficio»: con queste parole Marco Cossolo, presidente di Federfarma, presenta la nuova versione del “Vademecum sulla vendita on-line dei farmaci”, datata aprile 2023.

Le informazioni relative alle riduzioni di prezzo

Le regole adottate in Italia sono molto stringenti e rimangono sostanzialmente invariate anche in questa nuova edizione, in quanto finalizzate a garantire il massimo livello di tutela della salute pubblica. La vendita è limitata ai medicinali senza obbligo di ricetta medica ed è consentita solo a esercizi fisici, cioè a farmacie ed esercizi commerciali autorizzati alla vendita di medicinali, realmente operanti sul territorio.

Aggiornata invece, la normativa relativa sia alla pubblicità dei dispositivi medici e dei diagnostici in vitro, sia alle nuove disposizioni di derivazione comunitaria che hanno modificato il Codice del consumo. Nel caso dei dispositivi medici sono state deregolamentate alcune attività pubblicitarie, che ora non prevedono più l’autorizzazione ministeriale. È il caso, per esempio, dei profilattici e degli accessori di dispositivi medici, a condizione che il messaggio pubblicitario si riferisca esclusivamente a proprietà non sanitarie.

Nessuna richiesta di autorizzazione anche per le promozioni di dispositivi medici realizzate, anche mediante l’utilizzo dell’immagine della confezione, attraverso la messa in vendita di confezioni multiple al prezzo della confezione unitaria. Stesso discorso per quanto riguarda la pubblicazione dell’immagine o della rappresentazione grafica del dispositivo o del suo confezionamento sui listini dei prezzi di vendita e sugli annunci degli eventuali sconti praticati al pubblico.

Per quanto riguarda, invece, le modifiche al Codice del consumo (in vigore dal 2 aprile 2023) le innovazioni sono particolarmente rilevanti per quanto riguarda le informazioni da fornire sui propri siti in merito alle riduzioni di prezzo proposte. Queste entreranno in vigore dal primo luglio 2023, ma tali disposizioni sono particolarmente incisive e meritevoli di attenzione in quanto la loro contravvenzione è punita con sanzione amministrativa pecuniaria da 516,46 a 3.098,74 euro. Il titolare del sito dovrà pertanto fare particolare attenzione, nel caso in cui pubblicasse annunci di riduzioni di prezzo, a riportare i prezzi praticati precedentemente. Nel caso di vendite promozionali vi sarà anche l’obbligo di segnalare la riduzione in percentuale rispetto al prezzo precedentemente praticato.

Infine, è importate rilevare come le modifiche apportate al Codice del consumo hanno anche riguardato un inasprimento delle sanzioni amministrative pecuniarie per coloro che siano ritenuti colpevoli di pratiche commerciali sleali da parte dell’autorità Antitrust: con importi da un minimo di 5.000 euro, a un massimo di 10.000.000.

Rimane l’obbligo di fornire in un linguaggio semplice e comprensibile sul sito web le seguenti informazioni: il recapito dell’Autorità locale che ha concesso l’autorizzazione alla vendita; il collegamento ipertestuale al sito web del ministero della Salute, che dovrà garantire ai cittadini tutte le informazioni disponibili sulla legislazione vigente e sui rischi connessi all’acquisto illegale di farmaci online; e infine il logo identificativo nazionale su ciascuna pagina del sito che mette in vendita farmaci senza ricetta. Tale logo dovrà contenere il collegamento ipertestuale alla lista di farmacie autorizzate posta sul sito del ministero della Salute di cui al precedente punto.

(Visited 384 times, 1 visits today)