Vendite in farmacia: perché il dato di sell-out è l’indicatore più affidabile

Vendite in farmacia: perché il dato di sell-out è l’indicatore più affidabile

Per la gestione delle vendite dei farmaci impiegati nella Primary Care è più utile utilizzare il dato di sell-out dello scontrino in farmacia, rispetto a quello di sell-in dal grossista o da un acquisto diretto dal produttore. Se in passato, almeno per i farmaci etici, vi era una buona corrispondenza tra i due dati, ora non è più così. Gli stock in farmacia sono in aumento, complice la genericazione delle molecole, anche per i medicinali a prescrizione ricetta, rendendo il dato di sell-in molto diverso da quello di sell-out. In aggiunta, chi punta ad analizzare la propria geografia vendite a un dettaglio micro-granulare, rischia, usando il sell-in, di prendere decisioni su un dato distorto dalle centrali di acquisto.

Il gold standard per misurare le vendite dei farmaci delle cure primarie sarà sempre di più il sell-out generato dallo scontrino in farmacia. Scopri perché nel nuovo articolo della rubrica dedicata al mercato delle Primary Care di AboutPharma in collaborazione con New Line Ricerche di Mercato.

(Visited 353 times, 1 visits today)