Dermocosmesi

Come difendere i capelli in estate

Proteggere le fibre dei capelli nei mesi in cui le chiome sono più soggette a stress come lavaggi frequenti, bagni in acqua salata o clorata, raggi ultravioletti, salsedine, è realmente possibile? Balsami, maschere, impacchi, spume, oli, gel protettivi anche dotati di filtri solari sono sufficienti? Continua a leggere

Tinture per capelli, che cosa consigliare?

Non è obbligatorio ma raccomandato il “patch allergy test” prima di tingersi i capelli con i coloranti a ossidazione. Non sono norme o regolamenti ministeriali oppure europei a consigliarlo ma le stesse industrie che fabbricano le colorazioni e, adesso, anche i dermatologi. Si dibatte ancora sull’efficacia di questo genere di test preventivi perché, dicono molti allergologi, seppure le allergie e le irritazioni cutanei dovute alle tinture siano in aumento, eseguire una prova preventiva non dà alcuna certezza sulla futura reazione della pelle ai composti chimici che compongono la maggioranza delle tinture. Che cosa consigliare perciò alle clienti che scelgono di acquistare in farmacia i prodotti per mascherare i capelli bianchi o cambiare nuance alla capigliatura? Che cosa dice la legge in materia e quali sono le raccomandazioni degli specialisti? E, nel caso, dove va eseguito il fatidico test preventivo? Quali risultati garantisce?

Continua a leggere

Il sogno di un corpo sodo e tonico, l’attenzione è sui cosmetici a effetto “firming”

Se i consumi di prodotti per il corpo aumentano (+2,9% nell’ultimo anno, secondo Cosmetica Italia), fra tutte le tipologie gli idratanti e i rassodanti sono storicamente quelli che crescono meno. La novità è che si cominciano a intravedere alcuni cambi di rotta. Infatti le previsioni dicono che il segmento delle creme “body-firming” crescerà globalmente del 5% entro il 2023 (stime MarketReportsWorld) e, nel 2018, gli italiani hanno speso circa 225 milioni di euro per idratare, nutrire ed esfoliare il corpo e 65 milioni per rassodarlo e ringiovanirlo. Continua a leggere

Filtri solari handmade? Nuove mode e nuove garanzie

Filtri solari, che cosa c’è di nuovo? Quali scegliere fra le varie tipologie e i diversi fattori di protezione? Che cosa consigliare ai clienti che arrivano in farmacia? In primis a non fare da sé.Ricordate la fase della birra spalmata sulla pelle o il grasso minerale? Ora è il turno dell’olio di cocco e dell’aloe vera, oppure del burro di karité e dell’olio di carota. E on line è esploso il fenomeno degli schermi solari “fai da te” (alla voce “homemade sunscreen” di Google corrisponde una lista di 9.750.000 risposte che spaziano dai filtri “naturali” a quelli “non-tossici” perché “fatti in casa”). Segnalano il fenomeno i ricercatori del Children’s Hospital e del Brooks College of Health della University of North Florida che, allarmati, hanno passato in rassegna le ricette pubblicate sui social ritenendole non solo formule insufficienti a bloccare i raggi dannosi del sole ma potenzialmente responsabili dell’incremento di scottature e ustioni cutanee che si verificano in estate, oltre che composti privi di qualsiasi sicurezza sul fronte della decomposizione sotto i raggi ultravioletti. Continua a leggere

È la stagione degli Anticellulite: Vero e Falso

Fra tutte le categorie cosmetiche, i prodotti anticellulite sono quelli che richiamano un’attenzione mediatica e pubblicitaria fra le più spiccate in questi mesi e il loro successo è direttamente proporzionale all’arrivo della bella stagione. Subiscono infatti trend di vendite che raggiungono un picco positivo nei mesi primaverili per poi avviarsi ad una diminuzione lenta e inesorabile, come attestano i costanti monitoraggi a cura di New Line. Continua a leggere

Vero o falso: le risposte per contrastare 3 falsi miti della cosmetica

I cosmetici contengono i derivati del petrolio e sono tossici, i deodoranti facilitano lo sviluppo di tumori e i parabeni, ampiamente usati nei prodotti per bellezza, sono allergenici. Cosa c’è di vero nei tre principali tormentoni che circolano online a proposito dei prodotti di bellezza? Continua a leggere

Manicure, business fiorente: al farmacista interessa?

Che cosa c’entra la farmacia con la manicure?  Pochissimo, a giudicare da quante farmacie si occupano della cura delle mani che includa anche il fronte estetico e non solo la vendita di prodotti per tagliare, rinforzare le unghie e curare le micosi. Moltissimo, si potrebbe invece rispondere a giudicare dall’interesse femminile e maschile per avere unghie esteticamente perfette ma sane e, contemporaneamente, dall’alta frequenza di patologie che colpiscono il letto dell’unghia e la sua lamina. La stessa manicure, fatta senza cura, è motivo di infezioni, unghie sfaldate, fragili e mani sensibili a furia di acetone, collanti per applicare le unghie finte e smalti semipermanenti.

Continua a leggere

Microbioma: pre e probiotici per la pelle, a che punto siamo?

Roma, 3 mar – A giudicare da quanto i ricercatori, i dermatologi e le industrie del settore cosmetico si stiano interessando al ruolo del microbioma intestinale, possiamo mettere la mano sul fuoco che presto la maggioranza dei prodotti di bellezza e di trattamento cutaneo vanteranno proprietà pro-microorganismi che affollano il nostro corpo sposando l’idea che se curiamo i nostri batteri ‘buoni’ che popolano la pelle combatteremo rughe, secchezza, acne e dermatiti varie.

I farmacisti conoscono molto bene i probiotici,  la nutraceutica e l’integrazione alimentare… Continua a leggere

Ingredienti sulle etichette dei cosmetici, si o no?

Mentre la Commissione europea vara la nuova edizione dell’inventario degli ingredienti usati per fare i cosmetici, secondo la definizione unica INCI, contando circa 25.000 composti e miscele diversi, la comunità scientifica e le industrie si interrogano su una vecchia questione che torna alla ribalta con maggiore forza: i lunghissimi elenchi di ingredienti stampati sulle etichette dei prodotti di bellezza sono davvero utili? Perché non accorciare le ‘lenzuolate’ di composti talvolta illeggibili e incomprensibili ai più? Non esistono altri modi più chiari e approfonditi per informare… Continua a leggere

Cannabis per la bellezza. Ecco cosa c’è da sapere

Sono elencati l’olio, gli estratti, i fiori, i semi e il principio attivo, il cannabidiolo (che in realtà esiste in oltre 90 composti diversi), nell’INCI appena rivisto e aggiornato dalla Commissione europea. Così la canapa sativa, la cannabis legale, rientra a pieno titolo nella nomenclatura mondiale che classifica gli ingredienti autorizzati in ambito cosmetico. A rigor del vero mancava solo l’inclusione delle sue diverse forme nell’inventario INCI ma da qualche tempo la canapa è ritenuta il nuovo elisir di bellezza e l’offerta di creme e… Continua a leggere

INCI name, che c’è di nuovo per i farmacisti?

L’International Nomenclature of Cosmetic Ingredients è ad una svolta? Più noto ai farmacisti come ‘INCI name’ che identifica l’elenco  degli ingredienti riportato sulle etichette secondo una nomenclatura comune di paese in paese per facilitarne l’identificazione (soprattutto da parte degli addetti ai lavori, molto meno dai consumatori),  si arricchisce di nuove sostanze. O meglio: la Commissione europea ha finalmente aggiornato e riadattato ai nostri tempi l’inventario incluso nella direttiva 96/335/EC. Ai già noti 12-14 mila componenti classificati e dotati di numerazione se ne aggiungono… Continua a leggere

Per i regali di Natale si va in farmacia

Per la prima volta creme cosmetiche e profumi scalzano i giocattoli fra i regali più venduti a Natale. Da novembre a dicembre infatti i prodotti di bellezza registrano un aumento del 57,6% delle vendite, subito dopo vengono giochi, giocattoli e articoli sportivi che crescono del 57%. Poi seguono gli elettrodomestici.

Questo è ciò che emerge dalle stime dell’Unione Nazionale Consumatori che ha condotto uno studio sulle spese di Natale, stimando la top ten delle vendite natalizie 2018 elaborando i dati Istat degli anni passati.

Dove… Continua a leggere

Il ritorno della dermocosmesi, vogliamo più efficacia

È finita l’era delle veline e del ‘beauty look’. Alla profumeria piena zeppe di prodotti cool e di tendenza raccomandati dalle celebrities si preferisce varcare la soglia dei negozi specializzati in skin-care. È il momento del ‘beauty feel’, ovvero della nuova concezione di bellezza che predilige all’apparenza una sensazione autentica legata alla salute. Questo il principale cambiamento nei bisogni dei consumatori alla soglia dell’anno nuovo che i farmacisti di sicuro devono conoscere.

Look e salute

Si tratta di un cambiamento da rivelare perché il… Continua a leggere

Derivati botanici anti-aging, quanto sono efficaci?

Chi non conosce l’olio di argan come rimedio fra i più popolari come elasticizzate e antirughe? E la soia contro l’invecchiamento della pelle? E, ancora, i derivati del tè verde come antiossidanti? Infine (le più famose): le cellule staminali vegetali?

Nella moltitudine di estratti vegetali fra i più usati dalle industrie cosmetiche negli ultimi anni per fare sieri e emulsioni anti-age spiccano alcuni nomi botanici. Ora i dermatologi dell’University Hospitals Cleveland Medical Center di Cleveland, USA, hanno spulciato fra gli studi clinici e di laboratorio… Continua a leggere

Quanta crema affinché funzioni? Le dosi in cosmetica

Quanta crema antirughe applicare? Quanto gel anticellulite? Quanto dentifricio? Quanto cosmetico serve per ottenere la performance promessa?

Esistono le dosi nel campo della cosmesi? In ambito farmaceutico la quantità di medicamento per singola applicazione o assunzione è determinante per la ricerca, l’efficacia e la sicurezza del farmaco e i farmacisti conoscono bene l’argomento.  Perché non suggerire alle proprie clienti quanta crema devono usare per essere soddisfatte? Esistono dei riferimenti. Di seguito una breve review sulla situazione ad oggi.

Dosi per la sicurezza

Seppure i… Continua a leggere

Beauty, dall’Asia è boom di patch antirughe. Di che si tratta?

Hong Kong, 15 nov – La parte del leone, alla manifestazione dell’estetica mondiale, Cosmoprof Asia, in corso in questi giorni al all’Hong Kong convention ed exhibition center, la fanno i patch, cerotti imbibiti di antiossidanti e vitamine, insieme alle mascherine ritagliate a forma di singole aree critiche e più soggette alle rughe.

Patch e mascherine sono molto simili e spalmare la crema idratante sta diventando un gesto obsoleto mentre il patch-trend, già consolidato ad est e in evidente crescita in Europa, pare essere l’evoluzione naturale… Continua a leggere

Cosmetici agli enzimi, ne sentirete parlare sempre di più

La bromelina e la papaina sono fra gli enzimi più noti ai farmacisti che li dispensano sotto forma di integratori alimentari da molto tempo. Sono però sempre più spesso usati anche come ingredienti cosmetici tanto che l’ultimo numero di Cosmetic & Toiletries Science Applied, la rivista tecnico scientifica ritenuta la bibbia dai formulatori di tutto il mondo, dedica all’enzimologia (così si sta ribattezzando questo campo fiorente)  una corposa review. Il mercato degli enzimi industriali globali, segnala la rassegna, vale 4,61 miliardi di dollari (dato… Continua a leggere

Cosmetici, conservanti sì o no?

Se dico ‘paraben free’ a cosa pensate? A un cosmetico senza conservanti? Non è esatto, seppure il termine venga spesso confuso dalle consumatrici. Oppure pensate a un prodotto migliore di altri perché privo di sostanze chimiche ritenute pericolose per la salute? Anche su questo fronte si fa una certa confusione.  Infine: ci sono conservanti naturali che possono sostituire quelli chimici?

Non è una questione di lana caprina ma l’elenco delle principali domande che si pongono le donne quando scelgono i prodotti di bellezza per… Continua a leggere

A lui profumo e dopobarba non bastano più

Non è solo un trend del momento che rimbalza sui principali quotidiani europei, in testa il Telegraph. Anche Cosmetic&Toiletries science applied ha appena dedicato uno speciale al tema e i dati delle società di monitoraggio dei mercati confermano: i cosmetici per l’uomo sono in aumento e presto lo skincare maschile sarà una routine acquisita e pari a quella femminile.

L’uomo e i cosmetici nella storia

La storia insegna che anche l’uomo usa i prodotti cosmetici fin dalla notte dei tempi. Agli albori per decorare la… Continua a leggere

Macchie della pelle, quali soluzioni ideali in farmacia

Dopo l’estate, macchie melaniche più o meno vaste e lentigo solari sul viso, sulle mani e sul decolleté appaiono frequentemente sulla pelle delle consumatrici a partire dai 30 anni di età. Frutto delle cattive abitudini che inducono a stare al sole e non usare schermi protettivi adeguati. Vizi che si sommano a predisposizione genetica, uso di farmaci e intolleranze. È in autunno che le donne notano la comparsa di nuove dicromie o l’estensione di quelle già note e vanno a caccia di soluzioni.

Le possibili… Continua a leggere